A Rapolano al via i lavori per un impianto di riciclo dei pannelli fotovoltaici: “Progetto che porterà posti di lavoro nel solco dell’economia circolare”

Entro il 2024 a Rapolano Terme sarà realizzato un impianto per il riciclo dei pannelli fotovoltaici. Un progetto innovativo in Toscana e che ha pochi eguali nel resto d’Italia che permetterà di recuperare da vecchi pannelli materiali come alluminio, vetro, silicio, plastica e rame. Un’idea nata dalla collaborazione tra il Comune di Rapolano, Sienambiente e Semia Green, azienda che opera nell’ambito dell’economia circolare.

“E’ un investimento importante sotto tanti punti di vista – ha affermato il presidente di Sienambiente Tiziano Scarpelli durante la presentazione del progetto -. Innanzitutto c’è un impatto ambientale. I pannelli fotovoltaici al momento non hanno un ciclo di riciclo preciso ma vengono smaltiti in discarica. Con il nostro metodo attiviamo un percorso di economia circolare importante. Poi in provincia di Siena ci sarà un insediamento che produrrà quindici posti di lavoro e farà toccare con mano ciò che significa economia circolare. Usciranno materie prime utilizzabili nella produzione di nuovi elementi”.

L’investimento complessivo è di 3.5 milioni di euro: “E’ un impianto che gestirà circa 130mila pannelli fotovoltaici l’anno riciclando circa il 95% – spiega Alfredo Rosini, amministratore delegato di Semia Green -. È un impianto che ha delle caratteristiche che puntano sul riciclo e non sulla distruzione e il conferimento in discarica. È un momento storico importante per l’industria del riciclo. Sono passati esattamente vent’anni dall’installazione dei primi pannelli fotovoltaici in Italia quindi arriveremo ad accogliere i primi pannelli a fine vita”.  

Per Rapolano è un progetto di lungo periodo: “Siamo contenti perché questo è un impianto che serve a recuperare materiali – afferma Alessandro Starnini, sindaco di Rapolano . Vogliamo essere un’area industriale in cui l’economia circolare sia molto sviluppata. Per questo abbiamo previsto ulteriori spazi di ampliamento di attività industriale di questa natura. È un investimento che ci darà occupazione e ci caratterizzerà come aria industriale che guarda al futuro”.

Sono nato a Melito di Porto Salvo (RC) e mi sono diplomato al Liceo Classico di Reggio Calabria. Dopo la maturità, ovvero sia più di sei anni fa, mi sono trasferito a Siena, una città che ormai è più di una seconda casa. Qui ho conseguito una laurea triennale in Scienze Politiche e una magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Da sempre appassionato alla scrittura, il mio proposito è quello di raccontare ciò che mi accade intorno in modo obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui