La presidente è Donatella Capresi. L’iniziativa nasce su spinta di Axel Hemery, direttore della Pinacoteca: “I senesi avevano tanto amato il museo ma se ne erano allontanati senza motivi precisi”

Nasce ufficialmente a Siena l’associazione “Amici della Pinacoteca”, che avrà il compito di valorizzare e far conoscere ad un più vasto pubblico i tesori della Pinacoteca Nazionale di Siena, che proprio quest’anno compie 90 anni e rappresenta il più importante museo statale della città, grazie alla fondamentale raccolta di opere di scuola senese dal XIII al XVII secolo che può vantare. L’associazione nasce su spinta del nuovo direttore Axel Hemery, chiamato nel giugno di quest’anno alla guida del museo con l’obiettivo di rilanciarne la fruizione e l’eccellenza.

La realtà associativa comprende al momento 15 persone, scelte tra diversi profili professionali, un gruppo eterogeneo di privati cittadini, noti professionisti e personalità della città, tutti interessati al progetto che mira a promuovere la conoscenza di percorsi e bellezze del museo sia a livello turistico che cittadino. Ieri, presso la Pinacoteca, si è celebrato il primo atto ufficiale dell’associazione, con la firma dello statuto: la presidente è Donatella Capresi, la vice Antonietta Panarelli Pianigiani. Segretario è Luca Mansueto, tesoriere Luciano Benedetti, oltre a loro i soci fondatori sono Axel Hemery, Francesco Maccari, Elettra Paresi, Cinzia Voltolini, Laura Neri, Claudio Coli, Enrico Pinto, Elisabetta Viti, Luciano Galano, Alessandra Caffio, Rossella Lezzi e Riccardo Coppini.


“L’dea di creare un gruppo di persone a sostegno della Pinacoteca Nazionale di Siena – afferma la presidente Donatella Capresi – nasce dal direttore Axel Hemery e noi siamo molto contenti di far parte di questo primo nucleo di amici della Pinacoteca, d’altronde ogni grande museo è supportato da un gruppo di volontari che lavorano per valorizzare e promuovere le collezioni. Il nostro compito – prosegue – sarà quello di far conoscere questo importante museo, che conserva i maggiori capolavori dell’arte senese, ad un pubblico sempre più vasto coinvolgendo non solo i turisti ma gli stessi senesi, che dovrebbero abituarsi a vivere questi spazi”-

“La Pinacoteca Nazionale è il frutto di una storia bella e travagliata di novant’anni e il prodotto di un territorio orgoglioso delle sue ricerche artistiche – aggiunge il direttore Axel Hemery – non si erge solitaria ma pianta le sue radici nel cuore del tessuto antico della città tra il Casato e Castelvecchio. I senesi l’avevano tanto amata ma se ne erano allontanati senza motivi precisi e si erano persino scordati di avere aspettative nei suoi confronti”.

“La nuova autonomia e la riconquista progressiva dello spazio mediatico hanno richiamato l’attenzione su di lei la creazione dell’Associazione degli amici della Pinacoteca Nazionale di Siena è un momento fondatore di questa nuova vita – sottolinea – è un patto firmato coi cittadini che accettano l’onore e l’onere di esserne i passaparola, gli ambasciatori e i promotori. La Pinacoteca nazionale di Siena è un’istituzione civile e culturale al servizio dell’educazione e del diletto del cittadino ed è una delle eccellenze della città. L’Associazione degli amici della Pinacoteca nazionale, sotto la guida avveduta e ambiziosa della sua presidente Donatella Capresi, accompagnerà la sua crescita, alla quale non vogliamo fissare limiti e che sarà sempre radicata nel suo territorio. Auguro una lunga vita all’Associazione degli amici della Pinacoteca nazionale di Siena” conclude.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui