Lo dice Franco Casini, segretario nazionale di Fabi: “La banca Mps rimanga italiana”

“Ci auguriamo che il Monte dei Paschi di Siena diventi una banca di sistema e che il Governo abbia il coraggio di andare oltre quanto stabilito dall’Europa”.

Lo ha detto, in una intervista a Mf Milano Finanza, Franco Casini, segretario nazionale amministrativo e coordinatore Fabi nell’istituto senese.

“La questione non è essere o meno a favore di una “nazionalizzazione” del Monte dei Paschi di Siena, quello che più ci preme come sindacato è che la banca rimanga italiana e si eviti di procedere al più volte ventilato “spezzatino” per metterla sul mercato a tutti i costi. Ora più che mai serve un piano di rilancio – continua Casini – affinchè l’istituto ritrovi la sua piena funzionalità, c’è tempo per evitare soluzioni forse più semplici, ma sicuramente più dolorose per i lavoratori”.

A 18 mesi dalla scadenza del piano concordato con l’Europa, che ha consentito il salvataggio di Rocca Salimbeni, a patto però che lo Stato uscisse dal capitale entro il 31 dicembre 2021, Casini auspica che “lo Stato mantenga il suo 67% e il Governo si muova in tal senso avendo il coraggio di andare oltre quanto richiesto dall’Europa”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui