Entro il 2022 è prevista una ricapitalizzazione da 2.5 miliardi

Il Consiglio di Amministrazione di Banca Monte dei Paschi di Siena, riunitosi oggi sotto la presidenza di Patrizia Grieco, ha approvato il Piano Strategico 2022-2026.

Il Piano sostituisce integralmente il precedente Piano Strategico 2021-2025, approvato dalla Banca nel dicembre 2020, che era stato redatto sottendendo un’operazione strutturale da realizzare nel breve periodo (la prospettiva di aggregazione con Unicredit).

Il Piano sarà presentato nell’ambito dei vari iter informativi, approvativi e regolamentari che la Banca ha intrapreso con la Banca Centrale Europea, il Single Resolution Board e la DG Competition.

Inoltre, come noto al mercato, il Ministero dell’Economia e delle Finanze intrattiene un dialogo con la DG Competition in merito alla propria partecipazione nella Banca.

Le posizioni delle predette Autorità costituiscono un presupposto per l’operazione di rafforzamento patrimoniale prevista dal Piano. Dopo il fallimento della trattativa con UniCredit, la banca senese, dovrà mettere in piedi una ricapitalizzazione da 2,5 miliardi, cifra che potrebbe essere anche rivista al rialzo.

Attualmente la Banca non è in grado di fornire una stima precisa dei tempi necessari alle autorità competenti per portare a termine i rispettivi processi, ma fornirà alle autorità il massimo impegno a collaborare affinché i suddetti processi possano essere completati con successo e tempestività.

Il Piano, che costituisce la base per l’avvio dei processi di approvazione di cui sopra, potrebbe tuttavia dover recepire eventuali modifiche e cambiamenti, anche rilevanti, per riflettere quanto derivante dal confronto con le competenti Autorità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui