Da martedì al via ‘Territori Sicuri’ per tutta la popolazione a Monteroni d’Arbia

Lo screening rivolto a tutta la popolazione si terrà da martedì a venerdì in piazza Matteotti con l’apertura a Monteroni del programma ‘Territori sicuri’. Intanto si è conclusa l’operazione di monitoraggio rivolta a studenti, personale docente e non docente della scuola media.

Dopo i casi registrati nei giorni scorsi, l’Asl Toscana Sud Est ha attuato il programma che ha consentito di effettuare 275 tamponi nelle giornate di venerdì e ieri. Il bilancio non ancora definitivo (mancano ancora le refertazioni di un numero ridotto tamponi) è di 11 positivi, 9 alunni e 2 insegnanti.

Fra due giorni il controllo verrà esteso a tutta la cittadinanza, con le prenotazioni che già si avviano a quota 3mila, ancora aperte sul portale territorisicuri.sanita.toscana.it.

“La situazione emersa a Monteroni nei giorni scorsi – afferma Antonio D’Urso, direttore generale dell’Asl Toscana Sud Est – ci ha spinto a intervenire subito con decisione, prima concentrandoci sulla scuola e poi dedicandoci a tutta la cittadinanza. Questa opera di prevenzione, attraverso l’individuazione di persone positive asintomatiche, è fondamentale per evitare una diffusione incontrollata del virus. Come già successo in altre realtà dell’Asl Toscana Sud Est, confidiamo che una massiccia partecipazione ci consenta di ridurre i rischi di contagio. In parallelo con la campagna di vaccinazione, che è però legata necessariamente alla regolarità delle forniture, è un impegno importante che mettiamo in campo con convinzione”.

Gabriele Berni, sindaco di Monteroni d’Arbia, guarda con fiducia al doppio screening ringraziando gli studenti e le loro famiglia, oltre al personale docente e non docente per “l’alta adesione di ieri e venerdì. È una elevata sensibilità civica che in questi mesi ho sempre riscontrato e che si sta manifestando anche nelle numerose adesioni allo screening di massa che da martedì a venerdì si svolgerà in piazza Matteotti. Insieme all’Asl, motore dell’operazione, e alla Regione che l’ha messa in piedi, ringrazio tutto il personale dell’amministrazione, le associazioni di volontariato e ancora una volta i cittadini per l’opera prestata e la sensibilità già mostrata in questi giorni. Ora è il momento di stare tutti uniti per superare questa fase complicata e sono sicuro che riusciremo a farlo, a partire dal contenimento del contagio tra i nostri ragazzi e il personale scolastico”.

Il progetto ‘Territori sicuri’ è promosso dalla Regione Toscana con Anci, Upi, Misericordie, Pubbliche Assistenze Riunite e Croce Rossa Italiana, insieme agli operatori sanitari, la medicina generale e la pediatria di famiglia, oltre ad Ars Toscana, alle Asl e alle Società della salute.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui