La rubrica settimanale di Caterina Carmignani

Certamente Dark non è la serie consigliata per chi la sera torna a casa stanco e vuole guardare la televisione per un puro fine d’intrattenimento; tuttavia se si entra nel suo labirintico e ipnotico ecosistema, sarà difficilissimo uscirne.

Ambientata nella fittizia cittadina di Winden, le molle che fanno scattare l’intricatissima stratificazione narrativa e il cervellotico sistema di relazioni all’interno di Dark sono un inspiegabile suicidio, una lettera da aprire in una data e a un’orario futuro e la scomparsa di un ragazzo. Mescolate insieme a teorie filosofiche, scientifiche e religiose, di cui la serie si avvale e con cui essa si legittima, questi ingredienti compongono la perfetta ricetta per un appassionante e ben fatto prodotto da binge-watching, totalmente conforme alla complessa serialità contemporanea.

Non si esagera nel dire che ad oggi, con la terza e ultima stagione, uscita il 27 giugno scorso, Dark spicca tra i prodotti sci-fi di Netflix per maggior compattezza e coerenza, rispetto a una Black Mirror in inevitabile tracollo e a una Stranger Things che si riavvolge su sé stessa al punto da risultare spesso prevedibile.

I consigli della settimana

Cinema in Fortezza

Lunedì 20 luglio 21:45: Favolacce (2020) di Damiano e Fabio D’Innocenzo

Domenica 26 luglio 21:45: Richard Jewell (2019) di Clint Eastwood

Un classico

Netflix: Easy Rider (1969) di Dennis Hopper

Alberto Sordi 100

Mercoledì 22 luglio La7 (7) 21.15: Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa (1968) di Ettore Scola

Visioni d’autore

Venerdì 24 luglio Rai Movie (24) 21:10: La sottile linea rossa (1998) di Terence Malik

Adattamenti

Giovedì 23 luglio Paramount Network (27) 21:10: Ragione e sentimento (1996) di Ang Lee

Per ridere

Prime Video: Arance e martello (2014) di Diego Bianchi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui