Il Csi di Siena in lutto per la prematura scomparsa di Maurizio Borghi, storico dirigente sportivo

Centro Sportivo Italiano di Siena in lutto per la prematura scomparsa dell’amministratore tesoriere Maurizio Borghi. Una implacabile malattia non gli ha lasciato scampo, portandolo via alla sua famiglia, la moglie Gherarda ed i figli Davide e Donatello.

Da oltre 30 anni, prestava  la sua preziosa collaborazione nella gestione delle risorse economiche del Centro Sportivo Italiano di Siena che lo ricorda. “Amico leale, sereno e professionalmente impeccabile era sempre disponibile a trovare le soluzioni più idonee per risolvere i problemi che, di volta in volta, si presentavano”.

“L’avevo  conosciuto ed apprezzato subito quando, nell’anno 2020,  avevo accettato di fare il Presidente del Csi di Siena” racconta addolorato il presidente Alessandro Bellini. “Accettai proprio sollecitato da alcuni amici del gruppo storico di cui Maurizio faceva parte. Infatti insieme a Fabio Cerretani, Presidente storico del Csi per tanti anni, mi piace ricordare altri importanti dirigenti come Claudio Doldo, Alessandro Manganelli, Alessandra Muzzi e Giacomo Zanibelli che hanno potuto lavorare con lui in questo lungo periodo per far crescere l’associazione nel territorio. Negli ultimi periodi era preoccupato, oltre che per il suo stato di salute, anche delle pesanti conseguenze della riforma dello sport nella gestione amministrativa delle associazioni dilettantistiche e degli enti di promozione, come il Csi, a causa di un eccesso di burocrazia in un ambito di volontariato sempre più difficile da praticare.    

Il Csi di Siena, insieme alla Presidenza regionale ed agli altri comitati provinciali, si stringono alla famiglia in questi difficili e dolorosi momenti.

Il nostro assistente ecclesiastico, Don Massimiliano Gabbricci, ricorderà la figura di Maurizio nella Santa Messa delle ore 18 di domani 4 aprile nella chiesa dell’oratorio del Costone dove si trova la sede del Csi di Siena”.

La cerimonia funebre avrà, invece luogo, alle ore 15.30, sempre domani, alla basilica di San Domenico. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui