Al via il progetto ‘Blue Deal’ per portare tecnologie e soluzioni “su misura” per sfruttare l’energia del mare

Prende il via il progetto ‘Blue Deal‘ di cui l’Università di Siena coordinerà i lavori. 13 partner europei provenienti da Italia, Spagna, Cipro, Grecia, Albania, Croazia e Malta per portare nei Paesi mediterranei tecnologie e soluzioni “su misura” per sfruttare l’energia dal mare.

Con un finanziamento Ue di 2,8 milioni di euro, il progetto punta a sostenere una transizione energetica che includa l’energia dalle onde e dalle maree in un’area particolarmente vulnerabile ai cambiamenti climatici.

“I Paesi che si affacciano sul Mediterraneo spesso non considerano il mare una concreta risorsa di sviluppo economico né tantomeno una fonte di energia pulita su cui centrare le strategie energetiche nazionali e regionali. Dobbiamo lavorare per favorire la diffusione delle informazioni, l’innovazione tecnologica e l’iniziativa imprenditoriale. Con il progetto ‘Blue Deal’ vogliamo affrontare queste sfide e offrire strumenti hi-tech e informativi adeguati, che permettano di valorizzare sempre di più la risorsa mare nel rispetto dell’ambiente e a beneficio delle comunità locali e del loro sviluppo”, sottolinea Maria Vittoria Struglia, ricercatrice del Laboratorio di modellistica climatica e impatti e responsabile ENEA del progetto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui