Marco Antonio Lorenzini: “L’usanza di far correre il Palio ai cavalli che avevano già effettuato le prove di notte era solo una consuetudine”

“Non è scritto su nessuna pagina che i soggetti esordienti in Piazza del Campo non possano correre il Palio”. Queste sono le parole di Marco Antonio Lorenzini, capitano della Contrada dell’Aquila e decano dei capitani. Dall’inizio della pandemia fino a questo tempo più sereno, in argomento Palio, la domanda di tecnici e contradaioli era sempre la stessa e riguardava il possibile numero esiguo di cavalli che sarebbero arrivati alla scelta dei capitani. Eravamo abituati al fatto che i soggetti, prima di arrivare a correre il Palio, dovessero sostenere, almeno una volta, le prove di notte.

“Per uso e consuetudine, anche grazie – continua Marco Antonio Lorenzini – al grande numero di cavalli che tutti gli anni erano iscritti al protocollo, si era stata stabilita questa regola non scritta: alla tratta ci accedevano solamente i soggetti che, almeno una volta, avevano già sostenuto le prove di notte. Un’usanza diventata abitudine senza che però venisse mai regolamentata. Sono arrivato a questa conclusione dopo un attento studio portato avanti e verificato in questi due anni di stop. Possiamo stare tranquilli: quest’anno, se corressimo il Palio, continueremo a scegliere su un numero di soggetti elevato. Tanti cavalli di 6 e 7 anni, che non hanno mai calpestato il tufo di Piazza del Campo, potranno comunque rientrare fra i dieci scelti. Questo sarà possibile anche grazie alle istanze portate avanti da noi capitani ed accolte pienamente dall’amministrazione comunale; cioè di aumentare le date di lavori e corse di addestramento. Certo nessuno ipotizza, saggiamente, un lotto di esordienti; ma nuovi innesti saranno possibili accanto a soggetti più esperti. In un momento come questo è importante prediligere l’esperienza. Allo stesso tempo però è importante inserire cavalli nuovi, di 6 e 7 anni, che saranno sicuramente la base del Palio del futuro“.

Sono Lorenzo Vullo, un ragazzo di 23 anni, nato a Siena e laureato in Scienze Politiche e relazioni internazionali. Mi piace lo sport, la cultura, la politica e ho molto interesse per le nuove forme di comunicazione. Nel mio breve percorso lavorativo ho uno stage presso la redazione giornalistica di Radio SienaTV.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui