L’intelligenza artificiale made in Siena aiuterà i bambini dell’ospedale di Boston

Intelligenza artificiale: l’avatar dell’azienda senese QuestIT arriverà al Massachusetts General Hospital nei primi mesi del 2024.

Si chiamerà Katherine e aiuterà i piccoli pazienti del reparto cardiovascolare del Massachusetts General Hospital a prevenire malattie cardiovascolari. Sarà questo il compito dell’avatar nato dall’azienda senese QuestIT, già conosciuta in città per creazioni di intelligenza artificiale come Caterina, l’assistente virtuale del Comune di Siena e l’avatar capace di spiegare il Palio nelle vesti di Franco Masoni.

Katherine è il primo avatar conversazionale dotato di Large Language Model, quindi in grado di comprendere il linguaggio medico. I pazienti ed i professionisti dell’ospedale di Boston saranno quindi in grado di dialogare con l’avatar, il quale sarà poi capace di produrre report accurati ed elaborare un quadro clinico dettagliato.

Il nuovo sistema basato sull’intelligenza artificiale partirà già nei primi mesi del 2024: l’assistente virtuale aiuterà le famiglie a compilare dei questionari e i dati raccolti verranno forniti ai medici i quali saranno poi facilitati per elaborare terapie su misura per salvaguardare la salute cardiovascolare nei giovani pazienti sotto i 18 anni che presentano fattori di rischio come ipertensione a riposo, colesterolo alto e problemi del sonno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui