Legnano ha detto “Sì, il Palio può ripartire”

Potremo definirlo così, il Palio della ripartenza. Una tre giorni di cui avevamo bisogno, che per due anni ci è mancata. Legnano ha dato il segnale per ripartire, il primo palio importante post pandemia. Tante limitazioni; Green pass, ingressi contingentati, mascherine, ma alla fine le sensazioni sono state quelle di sempre. Le contrade hanno potuto effettuare le proprie cene propiziatorie, le persone si ritrovavano al “Maniero” ed è stato tutto possibile rispettando le misure di sicurezza. E’ stato un Palio agguerrito fino in fondo, i fantini hanno sbattagliato come sempre, forse anche di più, e nessuna contrada si è tirata indietro. Un Palio che ha sancito la vittoria del più forte di tutti. Escobar, il cavallo della Flora, guidato dall’esperto Giosuè Carboni, ha dimostrato ancora una volta di essere il più forte di tutti.

Un ringraziamento speciale va agli amici di Legnanonews, al Direttore Marco Tajè, e a Sempionenews con cui abbiamo trasmesso le dirette di questi giorni. Due collaborazioni preziose con le quali abbiamo registrato tutti e tre i giorni. Anche per loro è stata una piccola vittoria tornare a parlare di Palio dopo 2 anni. Tanti gli ospiti palieschi che sono stati con noi e che questa sera alle 22 rivedremo tutti nelle interviste fatte in questi giorni. Da sottolineare, il venerdì, la sera della procaccia, il regalo donato a Ilaria per omaggiare il ricordo di Andrea Mari; il primo Palio corso senza di lui.

Questa sera alle 22 tutte le interviste su www.gazzettadisiena.it e sulla nostra pagina Facebook

Sono Lorenzo Vullo, un ragazzo di 23 anni, nato a Siena e laureato in Scienze Politiche e relazioni internazionali. Mi piace lo sport, la cultura, la politica e ho molto interesse per le nuove forme di comunicazione. Nel mio breve percorso lavorativo ho uno stage presso la redazione giornalistica di Radio SienaTV.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui