Lolini: “Scelte persone legate ai territori, di equilibrio e nate dal confronto”

“Riportare ai vertici provinciali della Lega persone legate al territorio, ma soprattutto scelte di equilibrio nate da un confronto ampio, in cui non sono mancate divergenze iniziali di vedute, ma che ha permesso di smussare tutti gli angoli ed individuare le persone che abbiano la capacità di unire e non di dividere, in vista anche dei congressi cittadini e di sezione che si apriranno nelle prossime settimane”.

Dopo un lavoro di confronto iniziato al termine delle amministrative il Commissario della Lega Toscana Mario Lolini ha annunciato ai territori di riferimento la nomina di cinque nuovi commissari provinciali.

Si tratta di Federico Bussolin a Firenze, Elena Meini a Pisa, Marco Landi a Livorno, Filippo La Grassa a Prato e Paolo Salvini a Siena.

“Alla base dei cambiamenti – sostiene Lolini- ci sono anche le recenti indicazioni del partito che prevedono l’incompatibilità tra parlamentari e commissario provinciale. Per questo ringrazio gli onorevoli Manfredi Potenti e Guglielmo Picchi e il senatore Manuel Vescovi, che hanno dato un importante contributo a Livorno, Siena e Prato. Così come è avvenuto a Firenze dove ho lasciato l’interim della Lega provinciale.

Le figure di Federico Bussolin, che ha di recente chiuso una brillante esperienza alla guida della Lega Giovani Toscana e capogruppo in consiglio comunale a Firenze, Filippo La Grassa, storico dirigente della Lega e responsabile regionale del tesseramento, dunque persona a contatto con i militanti, e Paolo Salvini, consigliere comunale di Siena, siano quelle giuste per dare slancio a province su cui occorre lavorare e crescere per poter spostare l’asse del baricentro regionale dal centrosinistra al centrodestra, così come sta avvenendo ormai da tempo in altre realtà”.

Sulle nomine di Livorno e di Pisa si punta su due consiglieri regionali, Elena Meini e Marco Landi. “Pisa – ricorda Lolini – è la provincia in cui la Lega è maggiormente rappresentata a tutti i livelli istituzionali. Dopo una lunga riflessione, che partiva dalla necessità di tornare a dare alla provincia una guida locale, ho ritenuto che Elena Meini fosse la persona giusta. Come consigliere regionale ha il polso del territorio e dei militanti. E’ una persona determinata, ma che è portata anche al dialogo ed all’ascolto.

Per Marco Landi si chiude l’esperienza di Pisa, e lo ringrazio per quanto fatto, ma si apre quella sulla sua provincia di riferimento, Livorno, in cui sono convinto che possa portare quanto acquisito nel passato alla guida di altre realtà provinciali”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui