La rubrica settimanale di Elisa Papi

Ora che siamo ben sazi, pieni fino all’esplosione delle nostre cene di Natale perché non provare a buttarci sul divano e leggere proprio un bel libro intotolato “La cena”?

La storia di questi due fratelli è comune a molte famiglie. I Lohaman, Serge e Paul, sono assai diversi: il primo un politico molto importante, il secondo un uomo depresso che senza volerlo o forse senza rendersene conto prova invidia per Serge.
Entrambi hanno due mogli, Babette e Claire e due figli.
E mentre sono a cena in un ristorante prenotato ovviamente da Serge, la serata trascorre tranquillamente fra le chiacchiere sul cinema, la vita quotidiana e il lavoro.

Arriva però il momento in cui è necessario parlare anche dei loro figli.
L’argomento eluso ed evitato prende piede sul tavolo perché non si può più ignorare la gravità delle azioni dei ragazzi… O forse sì?

L’eterna lotta antica come il mondo: scegliere cosa è giusto o cosa è facile?
Macchiare la propria reputazione o ammettere di aver sbagliato?
E chi deve avere la colpa maggiore?

La cena è un libro breve. Potremmo definirla un romanzo drammatico.
Ovviamente il fulcro è proprio il cenare, lo stare a tavola. Perché è sempre intorno alla tavola che si risolvono i problemi e si comunicano le gioie.

In questo caso è una tavola della scelta. Ma per sapere qual è dovete senza dubbio leggerlo.

Un libro un po’ forte per le post abbuffate del Natale!

Consigli per gli acquisti: La cena, Neri Pozza edizioni, 12 euro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui