La rubrica settimanale di Elisa Papi

Oggi miei cari lettori, ci immergiamo in una storia che tutti conoscete. Può sembrare un racconto per bambini ma in realtà nasconde più di un messaggio diretto dritto dritto al cuore degli adulti. Dorotea, Dorothy nella versione americana, viva con la Zia Emma e lo zio Enrico, o Henry, nel Kansas in una radura brulla, dove non cresce nemmeno un fiore. Il suo amico più caro è il cagnino Totò ed è proprio per colpa sua se Dorotea verrà sollevata insieme alla sua casetta da un vento impetuoso che la condurrà direttamente al paese dei Ghiottoni. Nell’atterraggio Dorotea ucciderà la crudele Strega Malvagia dell’Est. A fronte di questo, la buona strega del Nord chiederà alla bambina qual è il suo desiderio e Dorotea esprimerà la volontà di tornare nel Kansas. Per far questo dovrà seguire il sentiero di mattoni gialli che la condurrà a Oz. Lì risiede il mago più potente di tutti. Lungo il cammino si uniranno a lei uno Spaventapasseri senza cervello, un Omino di latta senza cuore, e il leone che non aveva il coraggio. Giunti a Oz…

E qui termina il mio racconto ma comincia il vosto… Buona lettura!

Consigli per gli acquisti: Il mago di Oz, Bur, euro 12.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui