La rubrica settimanale di Elisa Papi

Prima di raccontarvi di questo libro devo fare una premessa: è uno dei miei preferiti in assoluto e da sempre. Quindi, forse, la mia recensione sarà un po’ di parte… spero di non influenzare troppo il vostro giudizio.

Scritto da Alexandre Dumas ( e solo per questo meriterebbe di essere in ogni libreria del globo) racconta la storia di una mantenuta (..vedi prostituta!) di nome Margherita Gautier. La voce narrante parla in prima persona, ma non è quella di Margherita.

Scopriamo attraverso questa voce e vari flashback scopriamo che Margherita, frequentatrice degli Champes Elysees e dei teatri portava sempre con sé tre cose: l’occhialino, un sacchetto di dolciumi ed un mazzo di camelie che per venticinque giorni al mese erano bianche mentre per i cinque giorni restanti rosse.

Con questo semplice sistema la nostra amata protagonista riusciva a comunicare agevolmente i giorni in cui era disponibile ad incontri amorosi con uomini dell’altra società. La vicenda della donna è intrecciata da vicino con quella di Armando Duval… del quale non svelerò ulteriori dettagli perché potrei raccontarvi tutto il volume per interno. Vi dico solo che fra Armando e Margherita non si tratterà solo di un “rapporto d lavoro” ma entreranno in gioco ben altri sentimenti…

Consigliato all’ennesima potenza…!

Consigli per gli acquisti: La signora delle Camelie, Oscar Mondadori, euro 8.50

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui