L’Aglione inserito dal MiPAAF nell’Anagrafe nazionale della biodiversità di interesse agricolo e alimentare

Dopo l’inserimento nel repertorio delle specie vegetali da conservazione della Regione Toscana e Umbria, l’Aglione dal 10 marzo è stato decretato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali come risorsa genetica vegetale a rischio di estinzione e quindi iscritta all’Anagrafe nazionale della biodiversità di interesse agricolo e alimentare. Un risultato importante, e non scontato, ottenuto grazie all’impegno della Regione Toscana, che in data 19 febbraio ne ha fatto richiesta al Ministero.

L’iscrizione dell’Aglione nell’anagrafe nazionale è un altro importante risultato nel percorso di valorizzazione dell’eccellenza toscana tradizionale della Valdichiana, iniziato con l’inserimento tra i prodotti agro-alimentari tradizionali nel 2016 e proseguito poi con i numerosi progetti di studio e ricerca, alcuni già conclusi altri in itinere, e al lavoro dell’Associazione per la Tutela e la Valorizzazione dell’Aglione della Valdichiana guidata da Ivano Capacci. Nel decreto del Ministero si legge che grazie a Qualità e Sviluppo Rurale, una società ormai leader nei processi di sviluppo dell’area della Valdichiana,  è stato possibile l’iscrizione nei registri regionali a seguito di iniziative di condivisione tra la Toscana e l’Umbria.

“Il progetto di caratterizzazione genetica e morfologica – dice il Prof. Stefano Biagiotti responsabile scientifico del progetto – portato avanti insieme al gruppo di lavoro del Prof. Emidio Albertini dell’Università degli Studi di Perugia, ha dato i risultati sperati dell’iscrizione nell’Anagrafe nazionale. Con quest’ultimo riconoscimento  abbiamo posto un altro tassello nella conoscenza dell’Aglione che  ci spinge ad accelerare nel percorso per l’ottenimento di una DOP o IGP”.

“Il percorso per una certificazione europea è già iniziato – dice Pietro Rampi presidente della struttura promotrice della DOP/IGP – i produttori toscani e umbri si sono coalizzati in un unico soggetto per definire il disciplinare, l’areale di produzione e il dossier di candidatura. L’incarico è stato affidato a Stefano Biagiotti, che da sempre ha avuto un ruolo importante per la tutela e la valorizzazione dell’Aglione della Valdichiana.”

Sul progetto DOP/IGP dell’Aglione della Valdichiana si sono già espressi positivamente molti comuni dell’area toscana e umbra, tant’è che molti hanno già stanziato risorse economiche a sostegno dell’iniziativa. Il riconoscimento di una DOP/IGP, per un prodotto come l’Aglione della Valdichiana è garanzia di tracciabilità ma anche un veicolo di promozione territoriale in un periodo in cui si parla di strategia europea della biodiversità e di programma farm to fork (dal produttore al consumatore). L’auspicio è che presto nelle etichette di questa eccellenza della Valdichiana si possa apporre il marchio dell’unione europea.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui