Domenica gara 1 con Castelfiorentino. “Avversario pericoloso e libero mentalmente, il pubblico ci aiuterà”, dice il coach rossoblu a “Al Bar dello Sport”

Dopo 14 partite in tre mesi e il secondo posto al termine della regular season, la Virtus Siena è pronta al debutto da testa di serie nei playoff di C Gold. Lo farà questa domenica, in gara-1 con Castelfiorentino, in un PalaPerucatti (ore 18) che torna ad accogliere i tifosi dopo oltre un anno (costo di 5 euro, necessaria la prenotazione al numero 0577 221055, servirà un tampone anche rapido per chi non è vaccinato o guarito dal Covid). “Cinquanta persone sembrano poche ma sono un numero sufficiente per darci una mano, ci sono mancati in questo periodo e siamo contenti di rivederli – spiega l’allenatore Andrea Spinello, intervenuto ieri sera a “Al Bar dello Sport” – Castelfiorentino sarà più libero mentalmente, è un’avversaria pericolosa che ha battuto Agliana, Montecatini e ha perso di 6 punti con Livorno. Vero che abbiamo vinto in entrambi i precedenti, ma sempre con sofferenza. E poi c’è l’incognita del caldo”.

Si gioca al meglio delle cinque gare: chiaro che “sarebbe meglio chiuderla il prima possibile – prosegue il coach rossoblu – ma lasciamo perdere i pronostici e pensiamo a una sfida alla volta. La squadra ci arriva bene, nelle migliori condizioni, anche perché abbiamo avuto a disposizione una settimana intera”. In caso di passaggio del turno, per andare in Serie B ci saranno altri due ostacoli. “Sia la vincente tra noi e Castelfiorentino che la vincente di Spezia-Agliana incroceranno due squadre di due gironi, il girone Lombardia-Friuli e il girone Emilia-Veneto, in andata e ritorno. Chi passerà quel turno andrà in finale, sempre andata e ritorno. Se arrivassimo in fondo, l’ultima partita sarebbe il 12 luglio”.

Ma in caso di B la Virtus sarebbe pronta, a livello economico? “L’abbiamo fatta tre anni fa, non credo che sia una cosa impossibile. Dipende anche da quali obiettivi ti porresti, se la salvezza, un campionato tranquillo o altro. La B è dispendiosa e ci sono trasferte lunghe ma anche tante toscane. La domanda comunque va girata al presidente, ma non credo che non accetterebbe di fare la serie B”.

Andrea Spinello, debuttante in prima squadra, si è ormai calato in questa realtà. “C’è voluto tanto per iniziare quest’avventura ma la sto vivendo tranquillamente. Almeno finora. Vediamo come andrà coi playoff. Coi ragazzi ho un rapporto ottimo, non mi mettono quasi mai in difficoltà. Futuro? Non ne abbiamo ancora parlato, da parte mia ci sarà sempre la massima disponibilità. È il mio primo campionato senior però sono nella società dove sono cresciuto, con persone che mi conoscono e mi supportano. Forse non è stato difficile anche per questo motivo”.

Chiusura sui ragazzi più piccoli, che potranno iscriversi al Summer Camp della Virtus. “È la categoria che ha sofferto di più, il minibasket all’interno del palazzetto non si può ancora allenare. Sarà un momento importante per i bambini per iniziare a provare emozioni che è da troppo tempo che non condividono”.

La puntata integrale di “Al Bar dello Sport”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui