Foto della gara di andata tra Pianese e Ostiamare

In cinque minuti le Zebrette ribaltano il risultato. Per i playoff si deciderà tutto all’ultima giornata

OSTIAMARE – PIANESE 2-2
Reti: pt 23′ Nanni; st 3′ Mastropietro, 38′ Lepri, 42′ Arras
Ostiamare (3-4-3): Giori; Salines, D’Astolfo (40′ st Zoppellari), Bussone (17′ st Bellini); Pedone (35′ Esposito), Carta, Cabella, Verdirosi (7′ st Licciardello); Nanni (48′ st De Sousa), Mastropietro, Lazzeri. A disp. Borrelli, De Martino, Di Vilio, Moi. All. Stefano De Angelis
Pianese (4-3-3): Wroblewski; Ambrogio, Coccia (13′ st Lattanzi), Misimovic, Folino (46′ st Gagliardi); Simeoni, Marino (1′ st Lepri), Islamaj (24′ st Tampwo); Arras, Zini (18′ st Mengali), Remorini. A disp. Mazzi, Chinnici, Kondaj, La Spada. All. Roberto Bacci
Arbitro: Gianluca Natilia di Molfetta
Note: Angoli: 2-4. Ammoniti: Mastropietro, Pedone, Remorini, Misimovic. Recupero: pt 6′, st 8′

Terminata la penultima giornata del girone E di Serie D, sono due le cose certe: la prima, che l’Aquila Montevarchi vince il campionato e torna tra i professionisti dopo 15 anni di attesa, e la seconda, che due posti su tre valevoli per il post season verranno aggiudicati negli ultimi 90 minuti. Le Zebrette, in un primo momento irriconoscibili, pareggiano in extremis contro l’Ostiamare, che in questa afosa giornata di giugno dà anche l’addio a capitan Adriano D’Astolfo, da dieci anni in biancoviola. Il match di mercoledì tra Pianese e Siena, quindi, sarà cruciale per la stagione delle due bianconere: un finale da film, in cui gli amiatini avranno a disposizione due risultati su tre e in cui la Robur, al contrario, dovrà per forza vincere.

La prima frazione di gioco risulta avara di emozioni. La colpa è da attribuire non tanto alle squadre in campo quanto, con molte probabilità, alla temperatura atmosferica: a Lido di Ostia, infatti, si sfiorano i 29 gradi. E’ anche per questo, insomma, che il primo tiro del match giunge intorno al quarto d’ora grazie al numero 9 Arras, che da posizione defilata non inquadra la porta. Al minuto 23, al primo vero affonda di marca locale, i laziali capitalizzano un’azione partita dai piedi di Cabella e rifinita da Nanni, che con il cucchiaio – e con la complicità di Coccia e Wroblewski – realizza il gol dell’1-0. Il provvisorio svantaggio e le contemporanee vittorie di San Donato Tavarnelle e Siena non scuotono la Pianese, che fatica a manovrare e a giungere alla conclusione: di fatto, Giori non interverrà mai con i guantoni. In chiusura di primo tempo, Zini ha una buona occasione per pareggiare, ma ciabatta completamente il pallone da nemmeno dieci metri; dopo di lui, Arras inzucca in caduta su cross di Ambrogio: il suo colpo di testa, però, è troppo debole.

Nemmeno il tempo di iniziare la seconda frazione di gioco che l’Ostiamare raddoppia. Wroblewski, uscito dalla propria area di rigore, sbaglia il rinvio, servendo Mastropietro, che da trenta metri – ma a porta sguarnita – gonfia la rete. E’ in questo momento che la Pianese si risveglia: dopo due diverse azioni nate da corner, prima Arras sfiora il palo con un bolide terra-aria e poi Misimovic manda il pallone di poco fuori. I biancoviola, locali, al contrario, vanno vicini alla terza marcatura sempre con Mastropietro, il cui mancino mette paura alla retroguardia bianconera; Remorini, poi, impegna Giori, che blocca senza problemi. L’Ostiamare, pur essendo salvo da tempo immemore, continua ad attaccare, e al 77′ l’onnipresente Mastropietro viene fermato da Folino, che sulla linea salva l’ipotetico 3-0; la Pianese, invece, sembra non avere più forze per ribaltare il risultato. E’ un’illusione, questa, data dal caldo afoso di questa domenica pomeriggio: grazie a Lepri, infatti, la squadra di Bacci dimezza lo svantaggio a 7′ dalla fine, dando il via ad un finale di match infuocato. Gli sforzi dei bianconeri, galvanizzati dalla rete, trovano ancora più concretezza all’87’ quando Arras, in estirada, segna il gol del pareggio. Il recupero extra-large, non adatto ai deboli di cuore, vede le due squadre fallire due-tre occasioni davanti ai rispettivi portieri: finisce 2-2. Tra tre giorni, al Comunale di Piancastagnaio, la partita della verità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui