“È Gesù che cercate quando sognate la felicità” (S. Giovanni Paolo II). Due settimane coi Missionari del Preziosissimo Sangue

«La Congregazione dei Missionari del Preziosissimo Sangue fondata da San Gaspare del Bufalo il 15 agosto 1815, fedele al carisma del Fondatore e alla tradizione secolare delle missioni popolari, continua anche oggi, da oltre 200 anni, questo servizio alla Chiesa attraverso l’attività apostolica e missionaria del ministero della Parola» – spiega don Flavio Calicchia, direttore del Centro per la Predicazione della Provincia Italiana.

«La missione popolare» – continua don Flavio – «è un tempo di predicazione straordinaria che mira a raggiungere tutti, non lasciando indietro nessuno: famiglie, scuole, associazioni sportive, ospedali, RSA, persone anziane o comunque in condizioni di fragilità, carceri… e poi ancora, i luoghi di vita quotidiana: attività commerciali, piazze, bar, sale giochi, centri di aggregazione, ecc… I missionari, in stretta collaborazione con i Vescovi e i Parroci, organizzano il tempo e il modo dello svolgimento della missione tenendo conto della motivazione di tale richiesta e i bisogni reali della parrocchia e del territorio dove essa quotidianamente svolge il suo servizio. L’obiettivo centrale della missione? La prossimità, che nasce dalla consapevolezza di un bisogno e l’incontro personale con Gesù, il prossimo per eccellenza! È Lui l’unica fonte di ogni nostra ispirazione! La missione è un vero e proprio tempo di Grazia!».

«La Missione Popolare che vivremo dal 2 al 17 dicembre 2023» – commenta don Andrea Malacarne, parroco di Torrita di Siena in un messaggio rivolto ai suoi parrocchiani – «è un evento straordinario, che ci aiuterà a ravvivare la fiamma della nostra fede. La visita dei missionari alle nostre famiglie, alle scuole, ai luoghi di lavoro, agli ammalati e alle varie associazioni parrocchiali e paesane sarà un’occasione preziosa per ascoltare ancora una volta la Parola viva».

Lo stesso Cardinale Augusto Paolo Lojudice, che presiederà la Messa di apertura con il mandato missionario, sottolinea l’importanza della Missione Popolare che inizierà a breve nella diocesi di Montepulciano – Chiusi – Pienza affermando che: «la Chiesa è essenzialmente missionaria: questo è l’insegnamento che ci viene costantemente dal magistero dei Pontefici, di Papa Francesco e di quelli che l’hanno preceduto. L’esperienza della missionarietà è ciò che deve caratterizzare la vita parrocchiale giorno dopo giorno e di questo ne devono essere consapevoli tutti gli operatori pastorali (e per primi i sacerdoti) affinché le iniziative, le proposte che nascono nella comunità, siano missionarie. Quello che sta per accadere nella parrocchia di Torrita di Siena è un’esperienza che proverà a mettere in pratica questo comandamento di Gesù. La “missione popolare” è un tempo particolare, un’occasione straordinaria, un evento di Grazia che completa e da senso a ciò che nella ordinarietà della vita parrocchiale viene condotto giorno dopo giorno».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui