E’ l’esito del primo anno di applicazione della legge regionale che nel 2021 ha istituito l’apposito fondo per aiutare la prospettiva di partecipazione a bandi e quindi il finanziamento di opere sul territorio.  

“Ventinove Comuni toscani hanno già ottenuto il sostegno regionale per progettare interventi finanziabili da fondi europei o nazionali. Per il prossimo anno si prevede il raddoppio – cioè 8 milioni – della cifra dedicata al sostegno alle progettazioni. Sono soddisfatto dell’aiuto concreto dalla Regione a municipi piccoli e medi per interventi finanziabili sul territorio”. Lo ha affermato Eugenio Giani, in occasione dell’illustrazione della graduatoria delle domande ammesse a finanziamento, curata dalla Direzione Opere Pubbliche, presente con il responsabile Michele Mazzoni. 

Dei 4 milioni stanziati dalla Regione per il 2022, 2,8 sono per i Comuni e 1,2 per i Corsorzi di bonifica. La graduatoria delle domande presentate dai Comuni è già stata approvata: sono ammesse 18 domande, per un importo complessivo di quasi 3 milioni.

I progetti, tra comuni associati o anche singoli, spazieranno dalle attività di monitoraggio dell’aria alla realizzazione della ciclovia Tirrenica all’Elba e tra Rosignano Marittimo e San Vincenzo fino alla ciclovia delle Crete senesi. Rivelano la Toscana delle bellezze e del recupero di spazi espositivi e di cultura ‘attiva’ sul territorio, la regione in cui la rigenerazione urbana si accompagna alla messa in sicurezza di strade e aree di richiamo turistico.

Sono 391.247 euro i fondi stanziati per la realizzazione dell’itinerario che interesserà, nel progetto più ampio, il percorso ciclabile della Due Mari da Fano a Grosseto. In riferimento all’itinerario toscano, alla indicazione della priorità per  la Regione Toscana del tratto Sinalunga-Rapolano Terme-Asciano-Buonconvento (58 km, 20 milioni di euro come importo stimato), per le peculiarità ambientali e paesaggistiche e per l’importante lavoro propedeutico svolto nei mesi scorsi dai Comuni interessati in relazione agli atti tecnici ed amministrativi necessari.

Il meccanismo attivato, messo a punto dal collegato alla legge finanziaria regionale per il 2022, muove dalla considerazione che senza progetto non si partecipa ai bandi e non si ottengono finanziamenti. Così si prevede il sostegno all’attività di progettazione anche quando gli enti locali non dispongano dei fondi per i progetti. L’intento è proprio quello di dotare Comuni e Consorzi di progetti ‘pronti’ per partecipare ai bandi: qualora, grazie al bando vinto, si ottengano poi i rimborsi per l’attività di progettazione, gli enti beneficiari restituiranno alla Regione le cifre ricevute, che finiranno nel fondo istituito con la legge regionale permettendo di scorrere la graduatoria delle domande finanziabili. 

Il giornalismo è una professione che non si sceglie, è lui che sceglie te. Ho sempre creduto che il valore di un vero professionista sta nel fatto di mettersi completamente a servizio del "racconto", stare un passo indietro piuttosto che sentirsi gli attori di ciò che scriviamo. Noi siamo solo il tramite per far arrivare il "racconto". Per questo prendo in prestito le parole di Joseph Pulitzer per ricordare la raccomandazione più importante: "Presentalo brevemente così che possano leggerlo, chiaramente così che possano apprezzarlo, in maniera pittoresca che lo ricordino e soprattutto accuratamente, così che possano essere guidati dalla sua luce."

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui