La Biblioteca comunale “Marcello Braccagni” di Colle di Val d’Elsa è stata tra le prime a riprendere la propria attività dopo il periodo di lockdown. Da lunedì 18 maggio, infatti, ha riaperto al pubblico con un nuovo modello organizzativo, che ha dimostrato ancora una volta l’attenzione e la professionalità che ne caratterizzano il servizio. Solo quattro biblioteche sulle 32 totali della provincia senese, infatti, si sono attivate con quasi un mese di anticipo sulle altre.

La biblioteca colligiana, insomma, è stato il primo presidio culturale tornato dal vivo nella città valdelsana, ma ha cercato di far sentire la propria presenza anche nel picco dell’emergenza sanitaria.

Un servizio “attivo” anche durante il lockdown. «Abbiamo prodotto molti contenuti online – ci spiega la bibliotecaria Nicla Senesi -. C’è stato #letturedalontano, video letture rivolte a bambini e ragazzi pubblicate sulla nostra pagina Facebook, promosse e gestite dai nostri volontari. Poi abbiamo realizzato #culturavirus, recensioni e consigli di lettura a cura dei bibliotecari e dei volontari. Quasi tutte le rubriche online che ci hanno accompagnato in questi giorni di chiusura continueranno ancora, accompagnate dalla realizzazione di vetrine e bibliografie in formato digitale, di booktrailer per orientare l’utenza impossibilitata ad accedere agli scaffali fisici della biblioteca».

«Inoltre – aggiunge – Abbiamo contribuito alla rassegna di cinema “Giovedì da Leoni”, organizzata dall’Amministrazione comunale in collaborazione con Kiné e alcune associazioni cittadine, che per ovvie ragioni ha dovuto proseguire a distanza, con apertivi in videochiamata e film in streaming. Abbiamo collaborato a distanza con le scuole cittadine alla realizzazione di alcuni obiettivi didattici ed educativi e abbiamo costantemente mantenuto la relazione con utenti e cittadini, rispondendo sempre alle loro richieste di informazione.

Anche per questo è stata una delle riaperture di servizi comunali più attese dalla cittadinanza e lo dimostrano i numeri dei prestiti che la Biblioteca effettua nei periodi di normale attività. «Ogni giorno che passa aumenta l’affluenza alla struttura – conclude la bibliotecaria -. Gli utenti, dopo il lungo periodo di distanziamento sociale, provano a riappropriarsi di un spazio tanto importante per la città, quanto per i cittadini stessi che nella struttura hanno sempre trovato un punto di riferimento culturale e sociale in grado di rispondere alle loro richieste più diversificate».

Accedere alla biblioteca in sicurezza. Sono state prese tutte le misure necessarie di prevenzione dei rischi per garantire la sicurezza dello staff e dei suoi utenti, seguendo le indicazioni predisposte ed emanate dalla Regione Toscana. Sono stati installati infatti pannelli di plexiglass sul desk all’ingresso, tutti gli operatori indossano gli strumenti di protezione individuale e gli ambienti vengono periodicamente sanificati.

Gli utenti hanno l’obbligo di indossare la mascherina e usare il gel igienizzante per le mani, che trovano a disposizione all’entrata, o i guanti. Ci sono inoltre una porta d’ingresso, in Via di Spugna 78, e una di uscita, sul retro della struttura. Infine, un’apposita segnaletica aiuta a non creare code e a capire come muoversi in totale sicurezza.

In questo momento, secondo le linee guida regionali, i servizi sono limitati alla restituzione dei documenti, all’informazione bibliografica tramite reference telefonico e al prestito, attingendo solo dal patrimonio della Biblioteca M. Braccagni (senza cioè usufruire del prestito interbibliotecario, che al momento è sospeso).

Gli utenti hanno inoltre la possibilità di fruire dei servizi bibliotecari online (tra cui l’iscrizione al servizio che può essere richiesta via mail) e delle sempre più numerose risorse digitali del catalogo della Biblioteca digitale Toscana – Medialibraryonline (MLOL) per accedere alle quali è possibile chiedere indicazioni via mail.

Gli orari. È possibile accedere alla struttura dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00 (martedì mattina chiuso), il sabato dalle 9.30 alle 13.00, per il servizio di prestito su prenotazione e per la restituzione dei documenti presi in prestito prima della chiusura. Per maggiori informazioni è possibile telefonare al numero 0577 922065 o consultare la Pagina Facebook.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui