Riunione fra Comune di Siena e i vertici della Toscana Sud Est sui progetti che interessano il territorio comunale

“Per il Comune di Siena le cure intermedie e l’assistenza territoriale rappresentano una priorità assoluta, vogliamo essere al fianco di Asl Tse per migliorare il servizio offerto ai cittadini senesi, e con questo obiettivo forniremo all’azienda tutto il supporto necessario”. Lo ha ribadito l’assessore alla sanità del Comune di Siena Giuseppe Giordano durante l’incontro avvenuto nei giorni scorsi a Palazzo Berlinghieri con i vertici di Azienda Usl Toscana Sud-Est. Insieme all’assessore, per Asl Tse erano presenti il direttore generale Antonio D’Urso, il direttore sanitario Simona Dei, il direttore amministrativo Antonella Valeri e il direttore dell’unità operativa Lavori pubblici di Siena Alessandro Frati. Sul tavolo gli interventi che l’Asl Tse sta mettendo a terra nel territorio comunale, in particolare quelli relativi all’ex ospedale psichiatrico San Niccolò.

L’incontro si è concentrato principalmente sui progetti Hospice, Centro di Salute Mentale e Ospedale di Comunità nei padiglioni Chiarugi e Kraepelin del San Niccolò, fuori porta Romana a Siena, che sono stati illustrati dai vertici di Asl all’amministrazione comunale. Nella prima fase sono previste la ristrutturazione del padiglione Kraepelin per ospitare il Centro di Salute Mentale e la ristrutturazione di parte del padiglione Chiarugi per dar vita ad un Hospice con dieci posti letto e un nucleo di cure intermedie anch’esso da dieci posti letto. Nella seconda tranche di interventi, sarà realizzato un Ospedale di Comunità da venti posti letto, che andrà ad integrare quelli già esistenti per un totale di trenta spazi per le degenze. La fine dei lavori, iniziati a settembre 2022, è prevista per dicembre del 2025. I fondi per la realizzazione di queste nuove strutture al servizio della comunità senese provengono in buona parte da finanziamenti dello Stato (ex art. 20 l. 68/88) su progettualità di Regione Toscana e di Asl Tse.

Dall’incontro emerge una novità a lungo attesa dalla comunità e dagli operatori sanitari: la realizzazione della nuova Centrale Operativa territoriale di Siena, che sarà ospitata nel padiglione Lodoli del San Niccolò. Per questo intervento è già stato approvato il progetto definitivo e i lavori partiranno entro la fine di settembre, con la nuova centrale che verrà attivata entro marzo 2024. Le risorse necessarie ammontano a 175 mila euro e provengono da fondi Pnrr. Altri interventi riguarderanno il padiglione Morselli, il padiglione Conolly e il padiglione Tamburino, con opere di adeguamento e riqualificazione finanziate da fondi Asl Tse. I lavori sono in fase conclusiva e saranno ultimati entro marzo 2024.

“Su cure intermedie e assistenza territoriale la prospettiva è, finalmente, un cambio di passo – ha spiegato Giordano – con investimenti che in passato sono mancati. Le peculiarità del territorio e l’invecchiamento della popolazione richiedono sempre maggiore attenzione”. L’assessore ha anche rinnovato la disponibilità dell’Amministrazione comunale nel percorso, già iniziato, per individuare una nuova sede del 118 che abbia l’ambizione di integrare i servizi con tutti gli attori dell’emergenza-urgenza.

“Asl Tse si sta impegnando come non mai a rafforzare i servizi sanitari territoriali presenti a Siena – le parole del direttore D’Urso – per fare questo, una stretta collaborazione con il Comune è fondamentale. Gli interventi messi in campo sono tanti, ma quando, passo per passo, saranno a disposizione della cittadinanza, sarà possibile vedere la strategia di lungo periodo che vi è dietro”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui