Al via la prima rassegna di puledri anglo – arabi, presentati oltre 46 puledri in Fortezza

In scena in Fortezza Medicea la prima rassegna del puledro anglo-arabo, organizzata dall’associazione anglo arabo corse con il supporto del Comune di Siena. Sono 46 i puledri che sfileranno nel corso di tutta la giornata di sabato 5 novembre nell’anfiteatro della Fortezza; una grande partecipazione anche da parte del pubblico ha entusiasmato gli organizzatori, che ora puntano a far diventare l’evento un appuntamento fisso.

“Per noi è come fosse il primo giorno di scuola, perché è una rassegna che avevamo fortemente voluto e che finalmente siamo riusciti ad organizzare con grande sforzo, cui ha partecipato anche il Comune di Siena. – Ha detto Luigi Carli, presidente dell’associazione anglo arabo corse, che aggiunge – noi vorremo che questo appuntamento fosse istituzionalizzato e si ripetesse anno per anno perché questo è il momento in cui si presentano le nuove generazioni che calcheranno il palco agonistico nei prossimi anni.” Anche per il sindaco Luigi De Mossi “è un’iniziativa che merita di essere rifatta negli anni futuri, perché è un’iniziativa molto partecipata anche da parte della popolazione senese”.

Presente all’evento anche Patrizio Giacomo La Pietra, senatore di Fratelli d’Italia è neo sottosegretario del governo Meloni, cui probabilmente spetterà la delega all’ippica: ”I cavalli a Siena sono parte importante della cultura cittadina, da questo punto di vista dobbiamo far sì che questa manifestazione possa essere un punto di riferimento. Tutto quello che può aiutare il comparto ippico sicuramente è positivo, un comparto importante che ha bisogno di supporto – ha detto il sottosegretario.

La Pietra è sceso anche più nel dettaglio, anticipando alcuni di quelli che saranno gli interventi del governo legati al settore ippico: “Dobbiamo fare interventi immediati, fra cui la risoluzione del problema legato al pagamento dei premi, che è ormai strutturale, e una maggiore organizzazione circa i calendari delle corse. Nel medio termine io credo che dovremmo lavorare per dare un’agenzia autonoma all’ippica rispetto alla gestione del Ministero”.

Le interviste a Luigi Carli e Patrizio Giacomo La Pietra.

Le dichiarazioni del sindaco Luigi De Mossi.

Sono una giovane studentessa della facoltà magistrale di Lettere, maremmana di nascita, ho lasciato l'Argentario da quattro anni per vivere e studiare a Siena. Mi interesso di politica, ambiente e attualità, con il proposito di capire e raccontare la cronaca di un territorio tanto antico e ricco di storia quanto vivo e vitale come quello senese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui