Fase conclusiva dei lavori al primo lotto. Soddisfazione dei cittadini, in attesa della nuova viabilità

Ormai la Variante dell’abitato di Staggia Senese non è più un semplice progetto, ma si sta concretizzando in solida realtà.

E’ possibile vedere ormai la fase conclusiva dei lavori riguardanti il primo lotto della Variante della Strada Regionale Cassia a Staggia.

A scriverlo, non senza una punta di soddisfazione, il sindaco di Poggibonsi e presidente della Provincia David Bussagli: “le lavorazioni stanno adesso interessando le intersezioni con la provinciale per Fontana e con il vecchio tracciato della Cassia direzione nord – spiega – nei giorni scorsi sono partite le operazioni di bonifica bellica relativi all’area che sarà interessata dal secondo lotto”.

La speranza dell’amministrazione è quella che si riesca ad arrivare all’avvio dei lavori in tutta la prossima primavera.


“Ricordo bene quando qualche anno fa prendemmo l’impegno per la realizzazione – continua Bussagli – quanti dubbi e quante titubanze. Troppi anni erano passati dalle prime discussioni. Tante difficoltà aveva incrociato questo progetto. E invece le cose si sono indirizzate correttamente e l’impegno si è tradotto nei cantieri che adesso vediamo”.

L’opera è stata resa possibile grazie ad uno stanziamento di circa 10 milioni di euro, di cui circa 7 messi  a disposizione dal Fondo di Sviluppo e Coesione e i restanti da risorse regionali. 

Quella che nascerà è una strada, una nuova infrastruttura in alternativa alla S.R. Cassia, che bypasserà il centro abitato di Staggia liberandolo dal passaggio quotidiano di mezzi pesanti diretti e provenienti dalla Sgc Autopalio e dall’area industriale di Bellavista.

Si tratta di due lotti funzionali, il primo quasi concluso da 3milioni 209milia euro e il secondo da 6milioni e mezzo di euro, per un progetto pensato a rendere più vivibile e sicuro il paese di Staggia.

Paolo Moschi
Un etrusco con gli occhi puntati sulla Valdelsa. Aperto a tutto quanto si muove nelle città e nei paesi a nord di Siena, per raccontare la vitalità di terre antiche e orgogliose, ma anche dal cuore grande

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui