Si intitolano “Above us only sky” e “Big Cats” le due mostre in scena dal 23 ottobre al 5 dicembre

Immagini aeree e grandi felini sono i soggetti di due eccezionali mostre fotografiche che, dal 23 ottobre al 5 dicembre, riempiranno di colori il Museo di Storia Naturale dell’Accademia dei Fisiocritici, una delle sedi fisse dell’annuale Siena International Photo Awards. Si intitolano “Above us only sky”, una collettiva di immagini internazionali scattate dal drone, e “Big Cats”, la personale dell’americano Steve Winter, una grande retrospettiva per la prima volta realizzata in Italia su uno dei più importanti fotoreporter naturalistici del mondo, a lungo collaboratore del National Geographic e specializzato proprio sui grandi felini.

Le due mostre, ospitate a piano terra e nel seminterrato dell’Accademia, saranno visitabili nei fine settimana con il seguente orario: il venerdì dalle 15 alle 19, tutti i sabati, le domeniche e il 1 novembre dalle 10 alle 19. Il biglietto è acquistabile online sul sito https://festival.sienawards.com/it/ o direttamente nella sede espositiva in Piazzetta Silvio Gigli.

Durante tutto il periodo delle mostre il Museo può essere visitato interamente solo dai possessori di biglietto, mentre nei giorni feriali e nel fine settimana rimane comunque visitabile liberamente la parte che non ospita le mostre.

Above us Only Sky è la prima importante mostra collettiva realizzata in Italia sulla fotografia aerea che cattura la bellezza del mondo visto dall’alto. Le immagini esposte sono una selezione delle più belle foto premiate ai “Drone Photo Awards”, una sorta di vetrina di varie parti del mondo che offrono una percezione dell’ambiente del nostro tempo: valli montane scolpite dai ghiacciai, coste frastagliate circondate da acque luccicanti, villaggi abbandonati e reti di trasporto tentacolari. Ogni immagine racconta una storia che il visitatore può scoprire grazie al QR code abbinato.

Big Cats raccoglie immagini potentissime e commoventi che il fotografo Steve Winter ha realizzato per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della conservazione della specie dei grandi felini. Dall’America Latina in cerca dei giaguari alla California all’inseguimento del puma di Hollywood, dalle montagne dell’Himalaya, attraverso le giungle e le praterie dell’India, alle Montagne Rocciose dell’America occidentale, le foto documentano alcuni dei gatti selvatici più sfuggenti al mondo, fotografati nel loro habitat naturale: leopardi delle nevi, tigri, puma e giaguari che, grazie alla padronanza con le trappole fotografiche, Winter ha saputo fotografare come nessun altro prima era mai riuscito a fare, regalandoci immagini straordinarie, uniche nel loro genere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui