Collaborazione con Aous e associazioni di volontariato per promuovere la cultura della donazione di sangue e emocomponenti nel triennio 2023–2025

“Il tuo sangue salva vita umane”: questo il titolo della giornata di sensibilizzazione alla donazione, organizzata dal Comune di Siena all’interno della sala Italo Calvino del Santa Maria della Scala, dedicata ai dipendenti e in collaborazione con Aous e associazioni di volontariato. L’iniziativa rientra nelle attività previste dal protocollo d’intesa tra Comune di Siena, Aous, associazioni di volontariato e enti pubblici e privati, finalizzato a favorire nel triennio 2023–2025 tutte le iniziative volte a promuovere e rafforzare la cultura della donazione di sangue ed emocomponenti.

Il programma della giornata (divisa due sessioni) ha previsto, dopo l’introduzione di Antonio Tizzani (responsabile del servizio di prevenzione e protezione del Comune di Siena), i saluti istituzionali dell’assessore alla sanità Giuseppe Giordano e dell’assessore ai servizi sociali Micaela Papi, quindi gli interventi di Paolo Ceccotti, datore di lavoro del Comune di Siena su “Illustrazione azioni di divulgazione nei luoghi di lavoro per favorire la donazione” e del medico competente del Comune di Siena Andrea Tanzini su “Benefici alla salute del lavoratore donatore”; quindi è stata la volta della direttrice dell’Immunoematologia e servizio trasfusionale dell’Azienda Ospedaliera Senese Elena Marchini. Sono poi intervenuti i responsabili delle associazioni di volontariato dei donatori di sangue Paolo Rossi (Presidente Gruppo Donatori di sangue delle Contrade), Monica Fronti (Croce Rossa), Claudia Fischetti (Frates), Umberto Bongini (Avis), Alfredo Angiolini (Anpas).

“L’amministrazione comunale – ha spiegato l’assessore Giordano – è punto di riferimento sul territorio e svolge la funzione di collettore all’interno dell’importante rete cittadina del volontariato, ma vuole anche essere di stimolo e, quando serve, di supporto agli enti preposti alla sanità. Il protocollo firmato lo scorso settembre va inserito proprio in questo contesto e fra le attività concrete ci sono proprio giornate come questa dedicata alla sensibilizzazione sulla donazione, importante soprattutto nei confronti delle giovani generazioni. Promuovere questa cultura all’interno delle nostre comunità, come quella dei dipendenti comunali, è una funzione fondamentale anche per trasmettere questi valori al di fuori e rivolgersi appunto alle fasce dei più giovani. Donare il sangue o il plasma può salvare vite, ma non solo: è una utile attività di screening e di prevenzione”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui