Trio Parma

Il Trio si esibirà venerdì 4 alle 21 al Teatro dei Rozzi per la 99ª Stagione Micat in Vertice

L’Accademia Chigiana presenta il concerto del Trio di Parma venerdì 4 febbraio alle ore 21.00 al Teatro di Rozzi di Siena per la 99° Stagione di Concerti Micat in Vertice. Il Trio, composto dal pianista Alberto Miodini, il violinista Ivan Rabaglia e il violoncellista Enrico Bronzi, è una delle più prestigiose formazioni cameristiche del nostro tempo. Costituitosi nel 1990, il Trio ha da poco festeggiato i primi 30 anni di una carriera luminosa, che vanta una ricca esperienza concertistica, il riconoscimento di premi significativi e un’ampia discografia.

Formatosi alla scuola del Trio di Trieste presso l’Accademia Musicale Chigiana negli anni decisivi della sua fondazione, il Trio di Parma fa il suo gradito ritorno a Siena con un programma particolare, che mette a confronto le opere di due grandi autori: il Trio n. 3 in due movimenti del compositore argentino Mauricio Kagel e il Trio con pianoforte in la minore, op. 50 di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Mauricio Kagel è uno dei maggiori compositori del XX secolo. Argentino, nato a Buenos Aires nel 1931, si è stabilito in Germania nel 1957 diventando un protagonista assoluto della musica d’avanguardia del dopoguerra e docente dei corsi estivi di Darmstadt, nonché all’Accademia Chigiana. È scomparso nel 2008 a Colonia, dove si era stabilito. Il Trio n. 3 di Mauricio Kagel è l’ultima opera da lui dedicata alla formazione cameristica del trio con pianoforte e ha visto la luce nel 2007.

Questo “Terzo trio in due movimenti” rappresenta uno dei punti d’arrivo della sua carriera di musicista e compositore e rivela una scrittura e una sonorità di grande chiarezza ed espressività, in cui tempi di contemplazione trasparente sul suono degli armonici degli strumenti ad arco si alterna ad altri di intenso dialogo e scambio tra gli strumenti, sottolineando l’aspetto gestuale e timbrico della musica. Gestualità che la musica di Mauricio Kagel ha sempre contenuto in se stessa e rivelato, quale riflesso della grande passione dell’autore per la teatralità, che comprende anche la distribuzione spaziale degli strumenti, nonché gli aspetti extramusicali spesso inseriti nelle sue opere anche con funzioni di straniamento surreale o di graffiante umorismo.

Nella seconda parte del concerto viene eseguito il Trio in la minore op.50 di Pëtr Il’ič Čajkovskij, che già in vita godette del successo e dell’ammirazione del pubblico occidentale. Nella biografia “Il ragazzo di vetro” che Nina Berberova dedica al grande compositore russo, egli è presentato come una natura estremamente inquieta, che “amava la musica più di ogni altra cosa al mondo” e che riponeva nel suo lavoro, la sua massima realizzazione. Un indizio di questa dedizione si trova certamente in questo Trio, anch’esso in due “movimenti”, in cui il secondo è strutturato secondo la forma del tema con 13 variazioni, preceduto da “Pezzo elegiaco”.

L’occasione che spinse Čajkovskij a comporre il Trio op.50 fu la scomparsa di Nikolaj Grigor’evič Rubinstein, principe del mondo musicale moscovita dell’Ottocento e fondatore del Conservatorio della città, che affidò proprio a Čajkovskij la cattedra di Composizione. Come in altre composizioni mature del compositore, è presente una volontà di equilibrio tra la confessione lirica e l’ambizione di una vasta costruzione architettonica, rappresentata qui dal tema con variazioni. Tutt’altro che mesta è l’atmosfera che avvolge questo brano per trio con pianoforte, in cui sono inseriti dei veri e propri slanci di vitalità sonora, forse a memoria dell’amico estroso ed esigente, quale fu Nikolaj G. Rubinstein.

I biglietti del concerto tenuto al Teatro dei Rozzi di Siena dal Trio di Parma per la stagione dell’Accademia Chigiana “Micat in Vertice” possono essere acquistati online sul sito dell’Accademia (https://www.chigiana.org/biglietteria-miv-2021-22/fino alle ore 18 del giorno del concerto oppure presso le biglietterie di Palazzo Chigi Saracini (giovedì 13/01 dalle ore 16.00 alle ore 19.00) o del Teatro dei Rozzi (venerdì 14/01 a partire dalle ore 16.00). È possibile infine prenotare telefonando al numero +39 333 9385 543 da lunedì a venerdì dalle 9.30 alle 12.30. Il prezzo dei biglietti varia da 5€ a 20€.

Il concerto sarà preceduto da una guida all’ascolto a partire dalle 20.30 nel luogo del concerto.

L’ingresso all’evento di venerdì 14 gennaio è consentito al pubblico in possesso del green pass da vaccinazione o da guarigione (cd. Green Pass Rafforzato). Non sarà dunque sufficiente il test antigenico o molecolare negativo. È inoltre obbligatorio l’uso della mascherina esclusivamente di tipo FFP2 per l’intera permanenza negli spazi del Teatro e per tutta la durata dello spettacolo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui