Ogni venerdì, dal 10 luglio al 28 agosto, uno spettacolo teatrale in scena negli impianti sportivi del Gruppo Sportivo San Miniato: “Palco da Calcio” fonde due mondi apparentemente lontani, ma mossi da ideali di inclusione e gioco di squadra

Chi dice che calcio e teatro non hanno niente in comune? A Siena, dal 10 luglio, due mondi apparentemente distanti si fondono per dare vita a “Palco da Calcio”, rassegna teatrale ideata dall’associazione Aps I Venerdì del Leone che si terrà quest’estate a Siena, nei campi sportivi del Gruppo Sportivo San Miniato.

L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Siena, vedrà “scendere in campo” attori di compagnie teatrali toscane. Un modo per rilanciare due settori duramente colpiti dall’emergenza COVID, come sottilinea anche Costanza Mascilli Migliorini, insegnante di teatro, attrice, scrittrice, calciatrice e presidente dell’associazione Aps I Venerdì del Leone: “Nei campi da calcio non si può giocare a calcio, nei teatri non si può fare teatro. Si può, tuttavia, fare teatro nei campi da calcio. Gli spalti sono all’aperto e permettono il distanziamento sociale, mentre il perimetro del rettangolo verde consente spazio e sicurezza. Pensare ad una rassegna teatrale estiva in un impianto sportivo fa pensare a due mondi profondamente minati che si tengono la mano, facendo della diversità una virtù”.

Si comincia il 10 luglio con “La grammatica della fantasia”, adattamento teatrale della famosa opera di Gianni Rodari (nell’anno in cui ricorre il centenario della nascita) a cura di Aresteatro e dei Topi Dalmata. Il 17 luglio a San Miniato arriva “Il difettoso”, spettacolo tratto dal libro “Diario di un Difettoso” di Franco Vestri firmato dal Teatro del Legame, che il 24 luglio presenterà “Sogni di carbone”, che narra la rinascita di una donna dopo una violenza subita e la riconquista della propria dignità, consapevolezza ed autostima. Il 31 luglio scende in campo “Le donne di Chernobyl”, racconto teatrale al femminile del tragico evento dell’aprile 1986 prodotto da And Or Margini Creativi. Il 7 agosto torna il Teatro del Legame con “Secondo Novecento”, spettacolo ispirato a storie realmente accadute nella Firenze della Ricostruzione e del miracolo economico. Il 14 agosto è il momento di “Quindi lo sapevi!”, collezione di storie e sketch scritti, diretti e recitati da Bartolomeo Bartolini, mentre il 21 agosto il Teatro del Legame propone “Psychophone”, la storia di un uomo che un giorno scarica un’applicazione per smartphone che permette di parlare col proprio subconscio. A chiudere la rassegna estiva, il 28 agosto, saranno i Topi Dalmata con “Sì lo voglio, se io voglio!”, spettacolo incentrato su un’esilarante scuola delle spose dove le allieve imparano a fare la moglie e a mantenere vivo l’amore.

Gli spettacoli inizieranno alle 21.30 e sono a numero chiuso; è preferibile la prenotazione al 334 5420607. Per informazioni sugli spettacoli chiamare il 347 3977804. Sono previsti abbonamenti e sconti per studenti, residenti di San Miniato e tesserati del G.S. San Miniato, gratis per i bambini sotto i 6 anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui