Una Robur falcidiata dagli infortuni perde 3-2 al Del Conero dopo essere stata avanti di due gol

Ancona Matelica – Siena 3-2
Reti: 10′ pt Karlsson, 12′ st Bani, 24′ st Rolfini, 33′ st Delcarro, 49′ st Delcarro
Ancona Matelica (4-3-3): Avella; Noce (16′ st Tofanari), Masetti, Iotti, Maurizii (38′ st Di Renzo) ; D’Eramo (16′ st Delcarro), Gasperi (16′ st Bianconi), Iannoni; Rolfini, Faggioli (16′ st Moretti), Sereni. A disp: Canullo, Vitali, Sabattini, Vrioni, Ruani. All. Colavitto.
Siena (4-3-3): Lanni; Milesi, Terzi, Terigi, Favalli (1′ st Farcas); Acquadro, Pezzella, Bani; Disanto (26′ st Marcellusi), Karlsson, Guberti (26′ st Paloschi). A disp: Mataloni, Marocco, Conson, Montiel, Zaccone, Cardoselli, Peresin, Darini, Palazzini. All. Maddaloni.
Arbitro: Maggio di Lodi
Note: Ammoniti D’Eramo, Gasperi; Angoli 9-6; Recupero pt 1′, st 5′.

Dopo una partita spettacolare e ricca di occasioni, il Siena perde 3-2 al Del Conero di Ancona. I bianconeri si erano portati avanti sul 2-0 grazie alle reti di Karlsson e Bani, ma sono stati poi raggiunti e superati da un’Ancona travolgente che ha trovato il gol del 3-2 con Delcarro al quarto minuto di recupero della ripresa. Per la Robur si tratta della terza sconfitta consecutiva.

Primo tempo – Per sopperire alle numerose assenze, Maddaloni schiera Milesi terzino destro e rilancia dal primo minuto Guberti dal primo minuto nel tridente. Paloschi, al rientro dal lungo infortunio, parte dalla panchina. Sebbene l’Ancona si renda pericolosa dopo appena 1′ sull’asse Rolfini-Sereni, al 10′ è la Robur a sbloccare la partita: cross di Favalli da sinistra, bel movimento di Karlsson che addomestica il pallone e scarica una gran botta che sbatte sulla traversa e si insacca in rete. Almeno inizialmente, la reazione dei padroni di casa si fa sentire e dopo tre minuti Iannon, con un colpo di testa su corner, fa tremare la traversa di Lanni. L’Ancona ci prova ancora due volte intorno alla mezzora con Rolfini e Sereni favoriti anche da qualche retropassaggio impreciso della retroguardia bianconera, ma in entrambe le occasioni la Robur riesce a salvarsi. Gli uomini di Maddaloni però hanno una grossa occasione al 35′ con Karlsson che è bravo a lanciare con un spizzata Disanto, l’esterno bianconero va sul fondo e trova Acquadro che arriva a rimorchio, che però calcia davvero di poco fuori. Al 40′ Lanni esce male su una punizione battuta dalla trequarti, ma poi è bravo a rimediare sulla conclusione ravvicinata di Rolfini. Il primo tempo si chiude con la Robur meritatamente in vantaggio, nonostante qualche brivido nel finale.

Secondo tempo – La ripresa si apre con l’uscita dal campo di Favalli, ennesimo infortunato tra i bianconeri, sostituito da Farcas. Il Siena ricomincia decisamente meglio e ha subito un’occasione con una punizione un po’ defilata di Pezzella che però crea qualche problema ad Avella. Quello dei bianconeri è un assedio al 10′ è Farcas a provarci con un tiro al volo da fuori area, sul quale Avella risponde ancora presente. Questa chance però è solo il preludio raddoppio del Siena: al 12′ grandissima azione di Guberti sulla sinistra, cambio di gioco per Bani che davanti al portiere non sbaglia e fa 2-0. Colavitti vede i suoi in grande sofferenza e cerca di cambiare l’inerzia della sfida con ben quattro cambi in un colpo solo e passando al 3-4-3. I marchigiani però continuano a sbandare: al 17′ cross di Disanto da destra, Karlsson sbuca tra i due centrali e calcia a botta sicura, ma Avella si supera. Al 22′ tocca Lanni a compiere una parata di grande livello su una conclusione di Moretti da fuori area, nata sigli sviluppi di un calcio d’angolo. L’Ancora però guadagna fiducia e al 24′ trova l’1-2: cross di Marurizii da sinistra per Rolfini che di testa in avvitamento accorcia le distanze. I dorici credono nel pareggio e Maddaloni allora passa al 3-5-2 e si affida a Paloschi, che si posiziona accanto a Karlsson. La mossa dell’allenatore bianconero non basta e i padroni di casa al 33′ trovano il 2-2 con un colpo di testa di Delcarro che sfrutta la torre di un compagno. Il Siena non ci sta e al 37′ va vicinissima al 3-2 prima con Karlsson, che viene fermato per due volte, e poi con un tiro di Marcellusi che Avella è ancora una volta bravo a mettere in corner. All’ultimo minuto però l’Ancona trova il gol della vittoria con un angolo di Sereni per la testa di Delcarro che fa doppietta e regala i 3 punti ai dorici.

Vincenzo Battaglia
Sono nato a Melito di Porto Salvo (RC) e mi sono diplomato al Liceo Classico di Reggio Calabria. Dopo la maturità, ovvero sia più di sei anni fa, mi sono trasferito a Siena, una città che ormai è più di una seconda casa. Qui ho conseguito una laurea triennale in Scienze Politiche e una magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Da sempre appassionato alla scrittura, il mio proposito è quello di raccontare ciò che mi accade intorno in modo obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui