Il deputato della Lega replica così al premier Conte

Claudio Borghi, deputato della Lega vicinissimo al segretario Salvini, ex presidente della commissione Bilancio, ha preso la parola per replicare a Giuseppe Conte, intervenuto alla Camera per spiegare i provvedimenti che saranno contenuti nel nuovo Dpcm. Borghi è stato candidato a Siena alle ultime elezioni del 2018 e poi “recuperato” nel listino Lega, Frequenta spesso la città di Siena.

“Signor Presidente –ha detto Borghi a a Conte – lei ha detto che il diritto alla salute è preliminare su tutti gli altri diritti costituzionali? Ma come si permette di fare una scaletta dei valori costituzionali? I diritti costituzionali sono tutti importanti alla stessa maniera e se per caso i numeri qualcosa contano il diritto alla salute è al numero 32, il diritto al lavoro è invece è al quarto. E le ricordo l’articolo 1, perché evidentemente si è dimenticato pure quello, dice che l’Italia è una Repubblica democratica, quindi si decide tutti assieme non decide lei, fondata sul lavoro quindi non fondata sulla salute o i dpcm. Vediamo di riportare tutto all’ordine costituzionale perché la situazione è grave”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui