Presa d’assalto l’area naturalistica, ancora problemi con la sporcizia abbandonata

Con il mese di luglio siamo entrati appieno nella stagione calda. Con questi ultimi giorni che sono veramente…da bollino rosso.

Colle ha da sempre il suo “mare”, ovvero il Parco Fluviale dell’Elsa, zona incantata e oasi protetta, immersa nella natura.

Purtroppo nel fine settimana l’area è stata visitata da molti, forse troppi visitatori, i quali hanno lasciato numerosi ricordini non graditi. Ovvero un mare di sporcizia. L’ingresso del parco infatti si presentava pieno di rifiuti, con i cassonetti che non riuscivano a contenere la grande quantità di sporco lasciata.

“Esprimiamo la nostra preoccupazione per la nuova estate di turismo aggressivo che sta per subire il Parco Fluviale dell’Elsa – è il commento del Comitato civico Elsa viva – speriamo in un intervento pronto e deciso da chi di dovere, quantomeno per garantire il rispetto dei luoghi e la sicurezza dei visitatori”.

Intanto ancora non pervenuti i nuovi parcheggi a pagamento, che sarebbero dovuti nascere a servizio del Sentierelsa e del parco. Un’opera pubblica della quale si parlava per il mese di maggio, ma che probabilmente slitterà all’autunno se non più tardi.

Infatti la zona di San Marziale, punto d’accesso all’area naturalistica, viene spesso presa letteralmente d’assalto dai turisti e da chi cerca un po’ di fresco, lasciando le auto vicino alla viabilità o comunque in zone non adatte ed improvvisate. Il progetto del nuovo parcheggio da 50 posti, con tanto di nuovi alberi e servizi igienici, è stato approvato.

Adesso però si attende di passare dalla carta all’opera vera, a servizio di uno dei beni più invidiati di tutta la Valdelsa.

Paolo Moschi
Un etrusco con gli occhi puntati sulla Valdelsa. Aperto a tutto quanto si muove nelle città e nei paesi a nord di Siena, per raccontare la vitalità di terre antiche e orgogliose, ma anche dal cuore grande

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui