Il fratello del nonno scrive che tutta la famiglia si è ammalata di “Leocornia”

Esiste una prova tangibile del forte legame di Emma con la città di Siena. Un legame iniziato dalla sua famiglia prima ancora che Emma nascesse e proseguito poi per molti anni. Nel numero unico del Leocorno “Vittoria!”, del 1980, appare un articolo scritto da Oscar Marrone, il fratello del nonno della cantante, che ha vissuto e lavorato per un lungo periodo proprio a Siena.

Da un non senese imbevuto di Contrada” è il titolo. Un pezzo molto bello e scritto con il cuore, nel quale appaiono i nomi di tanti personaggi storici del Leocorno.

Nel 1980 Oscar non vive più a Siena. “Avevo sentito spesso parlare di Mal d’Africa, ma non ero mai riuscito ad interpretare la vera essenza di questa… malattia fino a che il contagio di un’altra, sì, la ‘Leocornia’ (in incubazione da circa vent’anni ed esplosa quest’anno di grazia del Signore 1980!), mi ha fatto veramente capire che tipo di bacilli siano questi…malanni!”.

Nel pezzo racconta come tutta la sua famiglia sia stata contagiata dalla malattia e come fossero tutti corsi a Siena quando avevano saputo che il Leocorno, in quel Palio, non solo aveva avuto un cavallo buono, Uana, ma montava anche il miglior fantino della Piazza, Aceto. Poi l’entusiasmo di ritrovarsi tra persone amiche, i cori, le speranze e, tratteggiati con passione, i minuti che precedono la corsa, fino alla gioia della vittoria.

“Il Leocorno ha vinto – conclude Oscar Marrone. – E guarda caso il bandierino in vetta alla torre punta dritto ed inequivocabilmente sulla nostra Contrada: e dico nostra, perchè, sì, anch’io ormai, irrimediabilmente sono ammalato di ‘Leocornia'”.

Emma nasceva quattro anni dopo, nel 1984, e di quella “malattia” familiare deve aver sicuramente sentito parlare.

Lascio agli altri la convinzione di essere i migliori, per me tengo la certezza che nella vita si può sempre migliorare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui