Laura Boldrini: “Bisogna costringere Benjamin Netanyahu ad aprire i valichi, al cessate il fuoco”

“Cessate il fuoco subito”: è questo il grido delle persone che si sono riunite in piazza Tolomei per il flash mob sulla situazione nella striscia di Gaza. L’iniziativa ha visto la partecipazione dell’ex presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini, che è stata in Medio Oriente di recente per monitorare da vicino ciò che sta accadendo. In piazza anche la consigliera regionale Anna Paris, le consigliere comunali Giulia Mazzarelli e Gabriella Piccinni e l’onorevole Silvio Franceschelli.

“Abbiamo voluto fare questo flash mob, anche sotto la pioggia, perché a Gaza non c’è più tempo – afferma Laura Boldrini -. Sono rientrata due giorni fa dal valico di Rafah, e abbiamo visto una situazione veramente paradossale: dalla parte egiziana 1500 camion pieni di aiuti umanitari bloccati dalle autorità israeliane senza un motivo, se non quello di rendere la vita impossibile alle persone che sono a Gaza, come in una prigione a cielo aperto. Dall’altra parte, i racconti erano drammatici; a Gaza non si muore solo per i bombardamenti israeliani, ma anche di fame. Bisogna costringere Benjamin Netanyahu ad aprire i valichi, al cessate il fuoco, senza questo l’operazione umanitaria non può riuscire nel suo intento”

Ad organizzare il flash mob è stata la Conferenza delle Donne Democratiche del Pd: “Siamo in piazza per diffondere messaggi importanti in questo momento così terribile, in cui a Gaza registriamo soprattutto morti di donne e di bambini – spiega la nuova portavoce della Conferenza delle Donne Democratiche Roberta Bemoccoli -. E’ in pericolo tutta la popolazione civile e ci sembra doveroso chiedere il massimo impegno da parte del governo per portare il messaggio nelle sedi opportune. L’iniziativa è stata proposta dalla presidente Laura Boldrini, che ci ha spronato e spinto per realizzarla“.

Vincenzo Battaglia
Sono nato a Melito di Porto Salvo (RC) e mi sono diplomato al Liceo Classico di Reggio Calabria. Dopo la maturità, ovvero sia più di sei anni fa, mi sono trasferito a Siena, una città che ormai è più di una seconda casa. Qui ho conseguito una laurea triennale in Scienze Politiche e una magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Da sempre appassionato alla scrittura, il mio proposito è quello di raccontare ciò che mi accade intorno in modo obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui