“Con te questa Confederazione era diventata una comunità ed a questa comunità mancherai. Ciao Enio”

L’Associazione pensionati della Cia Toscana piange Enio Niccolini, scomparso all’età di 71 anni (di Colle Val d’Elsa), dopo una intera vita di impegno nella Cia e nella società civile e politica.

Un altro pezzo di storia della nostra organizzazione che se ne va, un grande amico che non c’è più – afferma il presidente Anp Toscana Enrico Vacirca – non ho parole per descrivere il mio stato d’animo ancora incredulo, alla triste notizia della scomparsa di Enio Niccolini”. 

“Il percorso confederale di Niccolini è stato lungo – sottolinea Anp Cia Toscana – dalla Cic di Siena, alla presidenza della Cia Toscana come membro a quella dell’Anp Cia Toscana, fino alla carica di Vice presidente Vicario Anp Cia Nazionale. Un esempio di portatore di sani principi morali e di concretezza politica, un carattere forte e combattivo ma nello stesso tempo socievole, generoso con una grandissima bontà d’animo. Uno di quei punti di riferimento che purtroppo si vanno esaurendo in questa società”.  

“Mi onoro – riprende Enrico Vacirca – di essergli stato a fianco per molto tempo della mia vita in questa organizzazione, e di essermi stato di sprone nei momenti più difficili e essermi stato grande maestro nel lavoro e nella politica. Enio è stato ideatore e forza motrice del Progetto Mater Tosca, nonché dello Sportello del Pensionato. Va ricordato anche il suo impegno nel Cupla, il Coordinamento Unitario fra le Associazioni dei Pensionati del Lavoro autonomo, per quello spirito unitario che lo contraddistingueva. Ricordo con commozione quando nella sua azienda vitivinicola ed oleicola mi faceva assaggiare i suoi vini ed il suo olio con orgoglio e passione frutto della stretta collaborazione con il figlio Claudio. Ci mancheranno le discussioni accese con la sua voce possente. Lo aspettavamo con trepidazione alla Direzione di Anp Toscana, ma comunque resterà presente in ognuno di noi”.

Con te questa Confederazione era diventata una comunità ed a questa comunità mancherai – a concluso Vacirca rivolgendosi a Niccolini – come ci mancano gli abbracci che non abbiamo potuto dare a te a tua moglie Patrizia e Claudio, tuo figlio, anche a causa del Covid. Ciao Enio“.   

Scrivere sempre, scrivere nonostante, scrivere e basta. ᴄ̴ᴏ̴ɢ̴ɪ̴ᴛ̴ᴏ̴ sᴄʀɪʙᴏ ᴇʀɢᴏ sᴜᴍ

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui