Droni, immagini satellitari e stazioni agro-meteo a terra, permetteranno di monitorare le colture e migliorare l’efficienza irrigua

Consumare meno acqua, mantenendo la qualità dell’agricoltura nel Senese. Il Consorzio di Bonifica 6 Toscana Sud ha ricevuto un importante finanziamento europeo, pari a 30.300 euro, per il progetto “Dati”. Droni, immagini satellitari e stazioni agro-meteo a terra, permetteranno di monitorare le colture e migliorare l’efficienza irrigua: l’idea è quella di arrivare a una riduzione del consumo di acqua compresa tra il 15-20% rispetto alla gestione dell’irrigazione convenzionale.

Il progetto di ricerca europeo Dati (Digital agriculture technologies for irrigation efficiency) è stato finanziato con il programma d’azione Euro-Mediterranea “Prima 2020”: il Cb6 partecipa in Italia assieme al Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto per la Bioeconomia, coordinatore, e l’Ente Terre Regionali Toscane, in un partenariato che comprende anche realtà portoghesi, spagnole, francesi e marocchine. Proprio nella tenuta di Alberese avverranno le analisi e la raccolta dei dati necessarie alla ricerca: il via è previsto martedì 1 giugno.

“Con Dati – afferma Alessandro Matese del Cnr-Ibe, coordinatore scientifico del progetto – svilupperemo nuove soluzioni tecnologiche e procedure di agricoltura digitale per ottimizzare la gestione dell’irrigazione in base alle reali esigenze delle colture. Utilizzeremo sensori wireless, sistemi di monitoraggio multispettrale e termico e indici vegetazionali calcolati da piattaforma satellitare: sia su colture annuali (pomodoro e melone) che perenni (vite), strategiche per l’agricoltura mediterranea e maremmana”. Oltre alla riduzione del consumo di acqua, la migliore gestione della risorsa consentirà di mantenere costante il livello qualitativo delle colture; le ricerche saranno condivise con gli agricoltori e i coltivatori, in quello che potrebbe diventare un vero e proprio processo di formazione e di crescita professionale.

“Il ruolo del Consorzio di Bonifica 6 Toscana Sud – aggiunge Valentina Chiarello, ingegnere di Cb6 responsabile del progetto – consiste soprattutto nel valutare l’applicabilità delle nuove tecnologie nel contesto del nostro comprensorio irriguo, raccogliendo dati. Poi procederemo con la promozione verso istituzioni e aziende”. Il progetto prevede un costo di 55.300: detto del finanziamento di 30.300 euro, il Consorzio di Bonifica 6 Toscana Sud metterà a disposizione personale interno con un costo quantificato in 25mila euro in tre anni.

“La sempre maggiore attenzione del Consorzio per l’ambiente – osserva il presidente di Cb6, Fabio Bellacchi – è presente in tutte le attività. Il tema dell’acqua, in particolare, è centrale nell’azione che portiamo avanti sul territorio. Vedere che ancora una volta le nostre progettualità sono riconosciute con finanziamenti importanti e partnership prestigiose, come quella di Cnr e di Terre Regionali Toscane, ci dà fiducia e ci spinge a impegnarci sempre di più in interventi che abbinino gestione della risorsa, manutenzione costante dei corsi d’acqua e rispetto della natura”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui