L’evento è in programma questa sera alle 21 al Teatro Caos di Chianciano Terme

Suggestioni da “mille e una notte” al festival “I Suoni di Sillene”, diretto da Paolo Ponziano Ciardi. Sabato 9 settembre al Teatro Caos alle ore 21 approda, in un insolito accostamento strumentale, il duo musicale iraniano: Layla Ramezan, piano e Mohssen Kasirossafar alle percussioni. 

Il concerto “Sherhazade” è un affascinante viaggio che unisce la tradizione musicale orientale e quella occidentale moderna. I motivi etnici  si mescolano alle sonorità classiche creando un originale percorso musicale che attraversa la Persia, l’Anatolia, la Grecia, l’Armenia. Oltre all’ascolto delle più note pagine di  Debussy e Ravel, potremo “scoprire” le creazioni di compositori quali Necil Kazim Akses, Emmanuel Melik Aslanian, André Hossein, Mehran Rouhani, Yannis Constantinidis  (più noto come Kostas Giannidis) e di Padre Komitas.

Il  programma  proposto prevede l’esecuzione de  “La fille aux cheveux de lin”  (La fanciulla dai capelli di lino) di Claude Debussy e  “Kaddish” di Maurice Ravel,  e tra gli altri  brani “Miniatures no.1,2 et 3”  di Necil Kazim Akses, la “Danse no.4” di Padre Komitas, “Papillon” di Emmanuel Melik Aslanian “Serenade Tartare” di André Hossein e “Greek Island Dances” di Yannis Constantinidis.

Layla Ramezan, che oggi calca i palcoscenici di tutto il mondo,  ha iniziato i suoi studi di pianoforte a Teheran prima di trasferirsi a Parigi nel 2000 per continuare i suoi studi all’École Normale de Musique de Paris “Alfred Cortot” con Jean Micault e Devi Erlih.

Mohssen Kasirossafar, nato a Mashad in Iran nel 1955,  si laurea in lettere con indirizzo cinematografico in Italia. Inizia a studiare lo zarb e il darf (tamburi persiani) nel 1980 con il grande musicista Nasser Farhângfar. Dal 1975 vive a Roma. Ha collaborato con Ennio Morricone,  Angelo Branduardi, Fabrizio De André, Mauro Pagani, Rita Marcotulli e molti altri. Nel suo repertorio, musica persiana d’arte e popolare, musica medievale e rinascimentale, contemporanea e sperimentale, teatro e colonne sonore.

Il festival si chiuderà il 7 ottobre con le note dell’Orchestra Italia Classica. Sul podio Paolo Ponziano Ciardi, direttore artistico de “I Suoni di Sillene”, manifestazione che si avvale del patrocinio del Mibac (ministero dei Beni  e delle Attività culturali), della regione Toscana e del comune di Chianciano Terme.

Biglietti da 13,50

Info: www.istituzionesinfonicaitaliaclassica.com

Ufficio Stampa: Paola Stefanucci,

Tel. 3476843236, paolastefanucci@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui