Intervista al capitano della contrada di Via delle Vergini

Alcuni giorni fa il capitano della Giraffa Guido Guiggiani ha annunciato in assemblea la composizione dello staff Palio. Ecco la nostra intervista.

Capitano, alcuni giorni fa ha annunciato la composizione dello staff Palio

“Sì, i mangini sono tutti stati tutti confermati. E’ cambiato solo il barbaresco in quanto Lapo Ramerini ha dovuto lasciare per impegni lavorativi e un guardia fantino”.

La Giunta Comunale ha approvato il nuovo Protocollo Equino: il capitano della Giraffa cosa ne pensa?

“Per me una punizione per chi non presenta i cavalli deve rimanere anche se tre anni di squalifica erano un pò troppi. L’attività agonistica di un cavallo da Palio in genere dura 6 anni quindi togliere tre anni di attività era un pò eccessivo e si rischiava di perdere per la strada molti cavalli validi. La novità con la squalifica per l’annata paliesca in corso e quella successiva secondo me deve rimanere perché altrimenti ogni Palio si arriva al giorno prima della Tratta con il dubbio se un cavallo verrà portato o no. In questo modo siamo un pò più tutelati e non siamo in mano ai proprietari e ai fantini”.

Capitolo fantini: si sente molto parlare di un ricambio generazionale

“Io credo che siamo alle porte ormai di un ricambio perché tanti fantini hanno più di 40 anni. Non sarà una cosa immediata ma tra qualche anno si cominceranno ad aprirsi degli spazi per i giovani che ce ne sono molti. E’ chiaro che i giovani devono dimostrare tutto anche se ce ne sono alcuni con delle buone qualità che spesso però in Piazza non sono sufficienti: ci vogliono anche testa e intelligenza”.

Secondo lei può esserci tra i fantini giovani un potenziale nuovo Tittia?

“Tittia, come tanti fantini del passato come Aceto e Trecciolino, sta facendo il mattatore e credo che sia unico. Può darsi che nel frattempo qualcuno riesca ad affermarsi diminuendo questo divario che esiste attualmente. Non ci scordiamo che Tittia ha vinto 5 Palii consecutivi: sono cose che nella storia del Palio succedono poche volte. Io mi auguro che possa venire fuori un nuovo Tittia anche se non è facile: di fenomeni ne nascono davvero pochi”.

La Giraffa ha ottimi rapporti con Tittia e Tamuré

“Sì, abbiamo ottimi rapporti con tanti fantini, il nostro Palio è sempre abbastanza delineato. Cerchiamo di stare vicino anche ai giovani perché, come ho detto anche in precedenza, qualcuno valido sicuramente c’è. Di conseguenza, se saremo presenti sul Campo, ci regoleremo in base al cavallo che ci verrà assegnato”.

Ancora non sappiamo quali cavalli saranno iscritti all’Albo 2024 ma, secondo lei, anche tra gli “esperti”, ci potrebbero essere dei soggetti per comporre due lotti qualitativi quest’anno?

“Tra i cavalli esperti ce ne sono alcuni che hanno raggiunto il limite di età mentre altri sono da rivedere in Piazza del Campo e in provincia. Come per i fantini, anche nei cavalli il fenomeno ciclicamente è sempre venuto fuori. Tra i cavalli nuovi potrebbe benissimo esserci un nuovo potenziale fenomeno come già avvenuto in passato: i cavalli a disposizione sono tanti”.

Francesco Zanibelli
Sono appassionato del Palio di Siena, della sua Storia e di tutte le corse dei cavalli a pelo italiane. Mi interessano le nuove tecnologie e sono appassionato di musica, storia e geopolitica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui