Evento online sull’identità linguistica, domani alle 9,30

Si celebra anche quest’anno all’Università di Siena la Giornata internazionale della lingua madre, istituita dall’Unesco oltre venti anni fa per promuovere la lingua materna e sottolineare l’importanza della diversità linguistica e del multilinguismo.

Il Corso di laurea in Lingue per la comunicazione interculturale e d’impresa dell’Ateneo, con sede ad Arezzo, promuove un evento online che sarà aperto sabato 20 febbraio alle ore 9,30 dalla professoressa Silvia Calamai e da Luigia Besi del Centro Unesco Arezzo e che vedrà coinvolti il responsabile dell’Ecomuseo del Casentino Andrea Rossi, giovani ricercatori, studenti e studentesse dell’Ateneo, docenti e alunni del Liceo Copernico di Prato e un dottorando di ricerca dell’Università di Pisa.

Si parlerà dell’identità linguistica – spiega la professoressa Silvia Calamai – e cioè come possiamo raccontare noi stessi attraverso i diversi codici linguistici a nostra disposizione: la lingua madre, i dialetti e le varietà regionali, le altre lingue imparate nel corso degli anni. Ascolteremo cosa succede ai Ritaliens, come si chiamano gli italiani in Francia, e scopriremo le attività svolte presso l’Ecomuseo del Casentino per salvaguardare il ricco patrimonio immateriale raccolto nei decenni attraverso progetti di ricerca e di disseminazione che coinvolgono comunità, scuole, studiosi”.

La giornata offrirà l’occasione agli alunni delle scuole superiori di avvicinarsi al mondo universitario e a tutti l’opportunità di conoscere meglio i progetti di ricerca del Dipartimento di Scienze della formazione, scienze umane e della comunicazione interculturale dell’Ateneo con sede ad Arezzo, come il progetto biennale LISTEN, Landscape in Sounds through Eco-Museums network ( finanziato dalla Regione Toscana nell’ambito del progetto Giovanisì), che vede coinvolta l’Unione dei Comuni montani del Casentino attraverso l’Ecomuseo in una collaborazione con il Dipartimento universitario, Unicoop Firenze  e Soprintendenza Archivistica per la Toscana. “LISTEN – spiega la professoressa Calamai – è un viaggio nei luoghi attraverso le voci, grazie a una attenta valorizzazione del patrimonio contenuto negli archivi orali, giacimenti non solo di storie e di memorie ma anche di idiomi e accenti diversi”.

L’evento per la Giornata della lingua madre si potrà seguire sulla piattaforma webex, https://unisi.webex.com/meet/LinguaMadre.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui