Il candidato a governatore: “Penso alle eccellenze di Siena”. Il consigliere di Italia Viva: “Nei sondaggi al dieci per cento, pronti a responsabilità in giunta”

La campagna elettorale è ormai entrata nel vivo: si vota anche in Toscana il 20 e 21 settembre, mentre i partiti sul territorio cominciano a tirare fuori i nomi dei candidati al consiglio regionale (qualche nome trapela nel Pd e nelle forze di centrodestra), i candidati a governatore affilano le armi.

Eugenio Giani (Pd e centrosinistra) e Susanna Ceccardi (centrodestra) si contenderanno presumibilmente lo scranno di presidente, più indietro appaiono Irene Galletti (Cinquestelle), Tommaso Fattori (Toscana a sinistra), Salvatore Catello (Partito Comunista) e Roberto Salvini (Patto per la Toscana).

Susanna Ceccardi ha già fatto la sua prima apparizione “ufficiale” a Siena, Eugenio Giani l’ha anticipata qualche settimana fa, ma entrambe torneranno sia in città che in provincia. “Siena – ha detto ai nostri microfoni Giani – è un’anima fondamentale della Toscana. Oggi dobbiamo guardare al futuro, penso alle tante eccellenze anche nel settore delle scienze della vita, penso alla prospettiva della ricostruzione delle Scotte. Mps? Oggi può diventare la banca di interesse pubblico che aiuta la ripresa, è uno degli strumenti per il nostro paese. Siena come motore della Toscana insomma“.

Le parole di Eugenio Giani

Già piena campagna elettorale anche per i vari partiti, fra cui Italia Viva. In provincia di Siena e anche in Toscana, dopo le parole del leader Matteo Renzi, Stefano Scaramelli si candida non solo come consigliere regionale, ma anche come possibile assessore. “Pronti a prenderci le nostre responsabilità in caso di vittoria – dice ai nostri microfoni – i sondaggi ci danno al dieci per cento”.

Le parole di Stefano Scaramelli

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui