La pista nella Buca del Palio di Fucecchio sarà nuovamente a disposizione di fantini e allenatori per iniziare a fare sul serio riguardo alla preparazione della stagione paliesca del 2022.

Una befana singolare stamani a Fucecchio nella Buca del Palio. Si è presentata senza la scopa ma alla guida di un trattore per passare e ripassare la pista che da sabato prossimo, come già anticipato dal presidente del CdA Nicolò Luca Cannella nella puntata di Sotto Frusta di metà dicembre, sarà nuovamente a disposizione di fantini e allenatori per iniziare a fare sul serio riguardo alla preparazione della stagione paliesca del 2022.


Ricevuto il nulla osta della Asl veterinaria territoriale la pista, grazie al lavoro volontario dei collaboratori dell’Assocoazione, sarà ultimata nelle rifiniture pronta poi per accogliere i galoppi.

Un servizio importante che Comune ed Associazione mettono al servizio del circuito del Palio, non solo di Fucecchio e che si aggiunge ad un lavoro di anni volto al miglioramento della manifestazione sotto ogni punto di vista.

Si torna quindi in modo importante a pensare già al Palio del 2022, archiviato da apoena tre mesi quello di settembre del 2021 che Gazzetta di Siena ha raccontato e seguito attimo per attimo.

Stabilite già da tempo anche le due date per le tradizionali corse di primavera, 27 marzo e 30 aprile.

Per poter accedere alla pista è necessario contattare Salvatore Lupinu ed Enrico Favilli, membri del Cda.

Gli allenamenti saranno svolti in piena osservazione delle normative antiCovid.

“A tutti i concittadini di Fucecchio una buona Epifania! – scrive il sindaco Alessio Spinelli sulla sua pagina Facebook – Questa mattina i volontari del Consiglio di Amministrazione dell’associazione de Il Palio di Fucecchio sono al lavoro per preparare la nostra spettacolare pista per gli allenamenti dei cavalli.

Grazie al nulla osta del servizio veterinario dell’Asl e la disponibilità dei membri del CdA ed altri volontari, da sabato prossimo apriremo la pista della Buca del Palio per gli allenamenti di singoli cavalli col proprio fantino, evitando di far loro percorrere centinaia di chilometri per recarsi negli impianti di San Rossore ed altre lontane località. Questo, un servizio aggiuntivo, che renderà ancora più vivibile questo bellissimo polmone verde nel centro della nostra città”.

Nata sotto il segno dei pesci. Narratrice di storie di polvere e provincia e uomini di cavalli. "L'aria del paradiso è quella che soffia tra le orecchie di un cavallo" ( proverbio arabo)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui