Mercoledì 20, nella sede della Fondazione Mps, le messe per celebrare Beato Ambrogio Sansedoni

Nella ricorrenza della nascita al cielo del Beato Ambrogio Sansedoni, mercoledì 20 marzo 2024 saranno celebrate le tradizionali messe nella Cappella di Palazzo Sansedoni, sede della Fondazione Mps (Banchi di Sotto 34).

Alle ore 9 la S. Messa verrà officiata da S.E. Cardinale Augusto Paolo Lojudice, all’interno della Cappella di Palazzo Sansedoni, alla presenza delle autorità cittadine, seguita alle ore 11 dalla funzione concelebrata da Padre Bruno Esposito, Superiore della Comunità San Domenico in Siena da don Tito Rovai, parroco della parrocchia del Beato Ambrogio Sansedoni.

Nell’occasione verrà distribuito il pane benedetto, mentre le elargizioni che, tradizionalmente venivano offerte durante le celebrazioni, saranno destinate alla Caritas Diocesana di Siena, Colle di val d’Elsa e Montalcino a sostegno delle persone bisognose del nostro territorio.

Il Beato Ambrogio Sansedoni

Ambrogio Sansedoni (Siena, 16 aprile 1220 – 20 marzo 1286), il personaggio più noto della nobile famiglia che fu proprietaria del palazzo attualmente sede della Fondazione Mps, entrò nell’Ordine Domenicano a diciassette anni. A Colonia ebbe come maestro San Alberto Magno e come compagni di studi San Tommaso d’Aquino e Pietro di Tarantasia, il futuro papa Innocenzo V.

Chiamato a Parigi ad insegnare, Ambrogio si fece conoscere soprattutto per l’efficacia della predicazione, sia nelle chiese, che nelle piazze. Per questo motivo, alcuni pittori lo hanno raffigurato con lo Spirito Santo in forma di colomba bianca, che gli parla all’orecchio.

Dalle eccezionali doti di persuasore, numerosi furono gli episodi storici che lo videro protagonista nel cercare di ammorbidire conflitti, costruire tregue, fermare le armi. Fu un riconciliatore instancabile e persuasivo. Dopo numerosi viaggi in Europa, ma anche in Italia, Ambrogio tornò a predicare a Siena, dove morì, colto da un malore proprio durante una delle sue celebri orazioni.

Siena lo ha ricordato in seguito, collocando un suo busto sulla facciata del Duomo e, fino a metà ’500, facendo correre un Palio a lui dedicato. Nel 1597 papa Clemente VIII lo incluse nel Martirologio romano. Il Beato Ambrogio è stato anche il soggetto del drappellone del 2 luglio 1986, dipinto da Carlo Cerasoli, disegnatore e pittore umoristico, e vinto dal Drago. L’occasione della dedica fu il settimo centenario della morte. L’iconografia è ripresa dall’affresco di Sano di Pietro che si trova nella Sala del Mappamondo del Palazzo Pubblico di Siena.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui