De Mossi: “E’ un accordo frutto della sinergia di tutte le istituzioni, al di là del colore politico. Si tratta di un’operazione che non ha solo valenza sanitaria ma anche urbanistica”

E’ stato firmato questa mattina nell’aula 6 del Centro Didattico delle Scotte il protocollo sul progetto di assistenza integrata, riqualificazione edifici scolastici e acquisto dell’immobile di viale Sardegna tra Regione Toscana, Provincia di Siena, Comune di Siena, Azienda ospedaliero-universitaria Senese, Ausl Toscana Sudest.

L’immobile, originariamente di proprietà della Provincia, passerà all’Aou Senese e all’Ausl Toscana per la creazione di un nuovo distretto sanitario. Con i soldi ottenuti da questa vendita, la Provincia sarà in grado di fare una riqualificazione di edifici scolastici del territorio. Alla firma erano presenti il Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, il Presidente della Provincia di Siena Silvio Franceschelli, il Sindaco di Siena Luigi De Mossi, il direttore generale Aou Senese Antonio Barretta e il direttore generale Ausl Toscana sudest Antonio D’Urso.

“Questa operazione è stata consentita grazie alla collaborazione tra il Comune di Siena e la Provincia, Asl territoriale e l’Azienda universitaria – afferma il Presidente Giani -. Mi sento onorato di poter firmare quest’atto che sincronizza queste realtà. Parliamo di uno spazio che a suo tempo era stato utilizzato dalla Provincia che, invece di costruire uffici, ha deciso prima di costruire dei supporti al sistema scolastico e ora degli spazi per la funzione sanitaria, in sinergia con l’Azienda ospedaliera e l’Azienda territoriale. E’ un accordo che consente che ci sia un’adeguata struttura sanitaria e che va a realizzare ciò che non c’era, cioè una Casa della salute nel cuore di Siena. Contemporaneamente ci saranno una serie di servizi scolastici che fanno parte di quel cantiere della scuola che ci riserverà altre grandi sorprese”.

Il Presidente della Provincia Franceschelli ha tenuto a sottolineare gli sforzi fatti dalla pubblica amministrazione per giungere alla firma del protocollo: “Ci sono state varie proposte provenienti dal mondo dei privati – spiega il Presidente Franceschelli -, ma non coprivano il costo che la Provincia aveva sostenuto per realizzare questo palazzo. Insieme agli altri enti sono state pensate delle operazioni a cui la Asl e le Scotte hanno dato un loro preventivo assenso di verifica. Credo che si risolva un grande problema, dando il segnale ai cittadini che i soldi che sono stati spesi dalla pubblica amministrazione comunque finiscono in un bene di interesse pubblico. Queste risorse saranno utilizzate per fare un piano-scuola che porterà nell’intero territorio della provincia dalle 20 alle 25 aule aggiuntive. Uno di questi perni sarà la ristrutturazione dell’ex caserma dei vigili del fuoco. Sarà destinato alla formazione di un polo scientifico delle scienze della vita“.

Un’operazione importante per la città, non solo per motivi sanitari: “L’acquisto dell’immobile in viale Sardegna rappresenta molto per il comune di Siena – spiega il Sindaco De Mossi – perché questo è avvenuto solo grazie all’accordo fra tutte le istituzioni, siamo arrivati a un grande risultato. Il Comune di Siena è stato il propugnatore di questa iniziativa. E’ stata una scelta necessaria perché si tratta di un immobile che da tanto tempo era fermo e poteva creare problemi anche in termini di viabilità, perché si trova in una zona nevralgica della città. Le istituzioni si sono unite e hanno deciso di fare questa operazione, che prescinde dalle colorazioni politiche. Ma non ha soltanto una valenza sanitaria ma ha una valenza anche urbanistica“.

Un ruolo di primo piano è stato giocato dall’Azienda ospedaliero-universitaria Senese: “Questo è un protocollo importante perché riusciremo a ubicare delle funzioni ambulatoriali dell’Azienda ospedaliera presso l’immobile in questione – spiega il direttore generale Barretta – e poter collocare queste funzioni, con la vicinanza fisica dell’Asl, contribuisce a forme di collaborazione molto preziose per noi. Stiamo studiando con dei professionisti le attività da traslocare in questi immobili e nei prossimi giorni le stabiliremo con esattezza. Sulla rimodernizzazione dell’ospedale, la politica regionale mi ha fatto un mandato che è quello di ristrutturare l’ospedale già esistente e non di costruirne uno ex novo. E’ una scelta politica che io condivido. Qualche giorno fa abbiamo pubblicato un bando che verrà giudicato verso la fine di luglio”.

L’Aou senese si è mossa in sinergia con Ausl Toscana Sud-est: “L’obiettivo è quello di migliorare i servizi ma non da soli – afferma il direttore generale D’Urso -, bensì insieme all’Azienda ospedaliera e universitaria, in modo da fornire ai cittadini senesi una risposta qualificata, in un punto che non sia l’ospedale le Scotte ma comunque vicino ad esso“.

Vincenzo Battaglia
Sono nato a Melito di Porto Salvo (RC) e mi sono diplomato al Liceo Classico di Reggio Calabria. Dopo la maturità, ovvero sia più di sei anni fa, mi sono trasferito a Siena, una città che ormai è più di una seconda casa. Qui ho conseguito una laurea triennale in Scienze Politiche e una magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Da sempre appassionato alla scrittura, il mio proposito è quello di raccontare ciò che mi accade intorno in modo obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui