Il direttore generale di Terme Aq Fabbrini: “Attivati percorsi in completa sicurezza, ma lo stop dei mesi primaverili pensa moltissimo”

“Viviamo una situazione di difficoltà, manca tutto il turismo straniero e anche il turismo locale, perché non c’è tutto questo movimento”. Il direttore generale delle Terme Antica Querciolaia Alessandro Fabbrini fa il punto della situazione sullo stabilimento termale di Rapolano, ma allarga anche il discorso al settore termale, dopo i lunghi mesi di lock down. “Per noi – spiega – ma anche per tutto il settore termale i mesi primaverili sono quelli clou, insieme a quelli autunnali: c’è stata una perdita di fatturato enorme per tutto il settore. Attualmente i numeri non sono sufficienti, anche se le persone stanno venendo e apprezzano quanto abbiamo messo in campo: una serie di azioni dettate dalle norme di sicurezza che le persone stanno apprezzando. Una piccola soddisfazione”.

“Abbiamo rivoluzionato tutto – spiega ancora Fabbrini -, dall’accesso al parco termale alla prenotazione, al biglietto, ai distanziamenti fra ombrelloni che sono più del doppio rispetto alle norme, con 25 metri quadrati a disposizione. In più controlli degli accessi negli spazi comuni e distanziamento nelle vasche termali. Tutto in grande sicurezza”.

L’intervista al direttore generale delle Terme Aq Alessandro Fabbrini.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui