Rettorato. Università di Siena

Nei giorni scorsi si è verificato all’interno dell’Ateneo senese un grave episodio di discriminazione e violenza

In uno degli spazi di studio a disposizione di tutta la comunità, una persona è stata attaccata verbalmente in ragione del suo apparente orientamento sessuale, con l’uso di espressioni che sono indegne e inaccettabili in una Comunità che si riconosce nei valori di uguaglianza, rispetto dei diritti e democrazia propri della nostra Carta Costituzionale.

L’Università di Siena condanna fermamente questo episodio e esprime la sua totale solidarietà alla persona offesa tramite una lettera aperta a tutta la sua comunità inviata dal Rettore Roberto di Pietra. “Simili comportamenti non solo sono da condannare duramente, ma rappresentano anche una palese violazione del Codice etico del nostro Ateneo, e possono comportare serie conseguenze disciplinari”, ha dichiarato il rettore aggiungendo: “Non si tratta di “battute di spirito”, non si tratta di parole senza importanza. Prendiamoci cura dei nostri spazi e rispondiamo insieme a chi vuole sminuirne il valore”.

“Il nostro Ateneo, le nostre aule, le biblioteche, gli spazi di studio sono e devono continuare ad essere spazi sicuri. Spazi dove si costruiscono conoscenza e competenze, dove trovano spazio confronto e dialogo, ma soprattutto spazi dove sempre e in ogni circostanza si affermano il rispetto della dignità di ciascuna persona e dei valori democratici della nostra società”.

Chiediamo a tutta la comunità universitaria di unirsi a noi nel condannare questo episodio e nel promuovere la cultura del rispetto e della tolleranza. Ci auguriamo che questo sia un episodio isolato che tutti gli organi di Ateneo, a partire dal Comitato Unico di Garanzia e dalla Consigliera di Fiducia, sono attivi nel perseguire”, ha concluso il rettore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui