Incontro sull’endometriosi organizzato da VaZine e Biblioteca Calamandrei giovedì 28 marzo a Montepulciano

 “Dalla consapevolezza alla cura, prospettive di genere nella gestione dell’endometriosi” è il tema del secondo appuntamento organizzato dal collettivo VaZine in collaborazione con la biblioteca Calamandrei di Montepulciano sulla medicina di genere, momento di approfondimento dei temi trattati nella fanzine pubblicata recentemente dal collettivo.
L’incontro si terrà giovedì 28 marzo, ore 18, nella biblioteca-archivio Piero Calamandrei di Montepulciano (SI), piazza Grande 7, Palazzo del Capitano.

Interverranno il professor Errico Zupi, ordinario di ginecologia dell’Università di Siena, referenti dell’associazione Lovelife esperti nell’educazione e nella gestione dei comportamenti sessuali, Alessia Astolfi, vicepresidente dell’associazione La voce di una è la voce di tutte (Odv).

L’endometriosi è causa di dolori durante il ciclo mestruale, infertilità, difficoltà nella sfera sessuale e di altre gravi patologie. Si calcola che attualmente in Italia ne siano affette il 10-15% delle donne in età riproduttiva. Le donne con diagnosi conclamata sono almeno 3 milioni. Nonostante sia inserita nell’elenco delle patologie croniche e invalidanti, con gravi ripercussioni psicologiche per la donna, le diagnosi arrivano spesso in ritardo. Questo per la scarsa conoscenza che si ha di questa patologia e per la mancanza di adeguate informazioni al riguardo. Associazioni come LoveLife, lavorano per apprendere come gestire il dolore fisico e ritrovare il piacere nella sessualità.

ERRICO ZUPI

E’ professore ordinario di ginecologia ed ostetrica ed ha ampia esperienza professionale e un ottimo curriculum scientifico e didattico. Ha lavorato a Roma presso l’Ospedale Sant’Eugenio, il Fatebenefratelli dell’Isola Tiberina e l’Università Tor Vergata e ha ricevuto diversi premi internazionali per l’attività chirurgica mininvasiva, per le tecniche di minilaparoscopia e isteroscopia. Ha un’esperienza ultraventennale di chirurgia endoscopica in ginecologia, con oltre 5mila interventi effettuati, ed è uno dei massimi esperti in Italia.

LOVELIFE

Associazione che si occupa di promozione della salute affettiva e sessuale per le persone con disabilità, di progettazione di interventi relativi la sfera sessuale, in particolare rivolti a donne in età fertile con endometriosi, affettività e sessualità in terza età, supporto alle famiglie e caregivers. Interventi individuali, gruppali e residenziali, in collaborazione con equipe multidisciplinari e formazione specifica sui temi di affetto, amore e sessualità ad operatori, insegnanti, educatori e famiglie, con l’obiettivo di un incremento del benessere psico-fisico e un miglioramento della qualità di vita. ( https://www.love-life.it/)

LA VOCE DI UNA È LA VOCE DI TUTTE (Odv)

L’associazione è impegnata nell’informare e sensibilizzare il territorio sulle problematiche legate alla conoscenza dell’endometriosi, attivando progetti finalizzati ad una migliore formazione giovanile, anche mediante un’azione di collegamento con i servizi sanitari, educativi e scolastici. Gestiscono un telefono giallo che risponde a tutte le domande i dubbi e le preoccupazioni delle donne che soffrono di endometriosi ma anche dei familiari che spesso non sanno come comportarsi. Promuovono il progetto “panchine gialle”. Collocate in diversi comuni d’Italia vi si trova un Qr code che apre a un video di informazioni sui sintomi dell’Endometriosi e sulla malattia in generale. (https://www.lavocedellendometriosi.it)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui