“L’Anpi si augura che la maggioranza dei senesi scelga di votare per un governo della città che si rimetta in asse con i valori della democrazia sostanziale”

“Sulla scorta dell’Art. 48 della Costituzione, che definisce il diritto di voto come dovere civico, Anpi Siena invita le cittadine e i cittadini a partecipare al voto per scegliere la sindaca e la coalizione che governeranno la città per i prossimi cinque anni. Il meccanismo elettorale del ballottaggio ci mette di fronte a un’alternativa netta, verso la quale – crediamo – ciascuno dovrà assumersi la propria responsabilità“. E’ questo quello che si legge in una nota dell’Anpi sul ballottaggio di domenica e lunedì.

“A Siena l’alternativa non è solo tra due persone diverse – prosegue -, né tra i partiti che le sostengono o tra i raggruppamenti civici che le hanno sostenute al primo turno. L’alternativa su cui invitiamo a riflettere è tra le proposte politiche: l’Anpi si augura che la maggioranza dei senesi scelga di votare per un governo della città che si rimetta in asse con i valori della democrazia sostanziale, che riapra gli occhi sui bisogni della cittadinanza, che sappia gestire, per quel che è possibile a livello locale, i problemi che il governo non riesce ad affrontare e che nasconde con l’attacco ai diritti civili, rilanciando il precariato, tagliando il settore pubblico a vantaggio del privato, minacciando gli equilibri costituzionali, minando l’unità del Paese e accentrando il potere in figure autocratiche, pagando con la tassazione generale la riduzione delle tasse sul lavoro, oltraggiando la memoria e la storia, richiamandosi a un credo religioso mentre perseguita la carità e la solidarietà”.

“La prospettiva di vedere tutto questo tradotto in misure di governo locale – prosegue la nota -, in sostanziale continuità con il recente passato, dovrà guidare la scelta tra le due candidate, alle quali l’Anpi senese chiede di esprimersi senza ambiguità e di delineare un preciso posizionamento della città e del suo futuro. L’Anpi, insieme alle altre forze democratiche e a tutti i soggetti che si riconoscono nel valore dell’an9fascismo, vigilerà sul rispetto degli impegni formali e sul perseguimento degli obiettivi in cui si sostanzia la militanza antifascista alla quale, auspicando di poterlo fare insieme e non contro l’amministrazione comunale”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui