luigi de mossi

Sena Civitas commenta la decisione del sindaco Luigi De Mossi a non prendere parte alle amministrative 2023

Lo ha annunciato ieri in occasione di una conferenza stampa straordinaria: Luigi De Mossi non prenderà parte alla corsa per le comunali 2023. E’ Sena Civitas, con una nota a mezzo stampa, a commentare la decisione del sindaco di Siena.

De Mossi non si ricandida. Passo indietro? Passo di lato? O mossa del cavallo…? Come in una partita a scacchi, il gioco riparte da qui – si legge nel comunicato -. E ora? Scherza, scherza, De Mossi ha messo i partiti di centrodestra alle strette, ma in particolare Fratelli d’Italia. Già, perché se De Mossi voleva ricandidarsi, salvo promozione, come tutto faceva pensare, una eventuale sconfitta sarebbe stata attribuita a lui, mentre così la scelta del nuovo candidato passa nelle mani degli onorevoli Michelotti e Caiata di Fratelli d’Italia che, in caso di sconfitta, ne uscirebbero con le ossa rotte”.

“Ma la mossa politica del sindaco De Mossi è anche molto più sottile – prosegue Sena Civitas -: lascia la patata bollente in mano ai partiti, dicendo nel contempo che se fortemente pregato, potrebbe anche ricandidarsi. È chiaro che il suo gruppo di amici, senza De Mossi, per galleggiare avrebbe bisogno di un candidato amico o di mediazione fra loro e i partiti del centrodestra. Per questo erano circolati nomi di persone vicine agli amici di De Mossi. Ma ora che il rimbalzo della palla vede i partiti a dover decidere, mettere come candidato un nome sgradito a chi governerà per altri sei mesi, è davvero complicato. Situazione che si è ribaltata. Mossa politica dall’esito incerto. Per De Mossi e i suoi amici, forse l’unica che era rimasta, ma molto, molto, molto ben studiata e politicamente pericolosa anche per i partiti di centrodestra”.

“La nuova domanda che si pone è: avrà il centrodestra la forza e l’autonomia di fare politicamente piazza pulita? Le ‘interconnessioni’ sono molte e sarebbe già un passo avanti escludere politicamente i 5 o 6 nomi più in vista, poco graditi da molti cittadini – conclude -. Gli aspiranti candidati potrebbero esserci anche fra nomi già noti, ‘ma’. C’è sempre un ‘ma’ dietro ogni angolo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui