E’ scomparso improvvisamente a 74 anni di Franco Caroni, l’uomo che fondò nel 1977 Siena Jazz e che ne è stato l’anima fino a poco tempo fa ricoprendo le cariche di presidente e direttore. Mangia D’Oro 2009, tartuchino, grande esperto di musica, aveva ricevuto premi in ogni parte d’Italia.

Franco Caroni stava trascorrendo qualche giorno a Follonica quando è stato colto da malore e i soccorsi sono risultati inutili. Lascia la moglie e tre figli.

La nascita di Siena Jazz
Raccontava Franco Caroni a “Musica Jazz” che la nascita di Siena Jazz “fu una cosa da volontari «operosi» o da visionari. Ci si incontrò a casa mia in otto persone (tra cui mia moglie, anche lei appassionata di jazz) la sera del 9 settembre 1977 e si decise di affrontare il grande interrogativo: facciamo un piccolo club o creiamo un’associazione? Ce la feci a convincere tutti che un’associazione sarebbe stata un modo più aperto di concepire un’attività non solo ludica, ma anche sociale. Decidemmo di costituirci immediatamente come associazione senza vincoli burocratici e di chiamarla Siena Jazz. Un nome molto poco fantasioso, perché a quei tempi nel mondo dei vari «stati comunali» c’era l’abitudine di denominare associazioni omologhe con il nome delle città, come ad esempio Firenze Jazz e una precedente Siena Jazz, nate negli anni Sessanta”.

A quel tempo Franco Caroni era un giovane bassista elettrico che si occupava prevalentemente di rock, inizialmente col gruppo Livello 7 per intrattenere la gente nelle sale da ballo. Il guadagno serviva per acquisire i fondi per l’acquisto di una strumentazione e di un’amplificazione imponenti per i concerti in cui avremmo poi suonato la nostra musica, di stampo progressive. La scoperta del jazz arriva verso il 1974 pur continuando a esibirsi nelle sale da ballo e a fare concerti in giro per l’Italia. Il gruppo fu addirittura invitato ai primi due festival rock nazionali nell’ambito della festa dell’Unità. Nel 1976, quando il gruppo cessò di esistere, propose agli altri membri (anche loro interessati al jazz) se intendevano ricostituirsi in un’altra maniera e così nacque il gruppo Studio Improvvisazione. Avevamo cominciato a capire che l’improvvisazione andava studiata e approfondita. Questa curiosità li portò poi a costituire Siena Jazz l’anno dopo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui