“Bloccare eccessivamente la possibilità di intervento, soprattutto nelle città d’arte, significa farle invecchiare senza valorizzarle”

“Incontrerò al più presto il nuovo sovrintendente. Io non ho mai preconcetti, mi baso sui comportamenti, è bene accetto in città, spero che abbia una visione propositiva come l’abbiamo noi“.

Il sindaco di Siena Luigi De Mossi commenta così la nomina del nuovo soprintendente alle Belle Arti, Archeologia e Paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo, architetto Gabriele Nannetti, annunciato due giorni dalla senatrice Lucia Borgonzoni (Lega), sottosegretario di Stato al ministero della Cultura, nella sua visita a Siena, a sostegno al candidato alle suppletive Marrocchesi Marzi.

“Certo, bisogna avere attenzione – aggiunge De Mossi – non è che si può costruire un palazzo nel mezzo di Piazza del Campo, ma allo stesso tempo bisogna avere la consapevolezza che questa città sta mutando pelle. Non significa buttare giù senza criterio quello che è un gioiello edilizio, ma dare delle opzioni che possano valorizzare certe strutture che sono da anni chiuse e totalmente abbandonate, perché il rischio è il loro deperimento delle stesse.

Il ragionamento da fare io credo che sia rispetto del patrimonio artistico ed anche edilizio, ma al contempo un ragionamento che sia propositivo per poter lavorare con le tante opzioni che oggi ci sono nel campo dell’edilizia”.

Bloccare eccessivamente la possibilità di intervento, soprattutto nelle città d’arte, significa farle invecchiare senza valorizzarle“.

L’intervista del sindaco De Mossi

Sono nato a Melito di Porto Salvo (RC) e mi sono diplomato al Liceo Classico di Reggio Calabria. Dopo la maturità, ovvero sia più di sei anni fa, mi sono trasferito a Siena, una città che ormai è più di una seconda casa. Qui ho conseguito una laurea triennale in Scienze Politiche e una magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Da sempre appassionato alla scrittura, il mio proposito è quello di raccontare ciò che mi accade intorno in modo obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui