Dimessa l’assessore al sociale Samuela Boldrini. Italia Viva guarda alle comunali 2024

A meno di un anno dalle elezioni comunali di Colle Val d’Elsa, un vero terremoto per la maggioranza che sostiene il sindaco Alessandro Donati.

Samuela Boldrini, assessore con delega alle politiche sociali, sanità, pari opportunità e associazionismo ha rassegnato le proprie dimissioni dall’incarico.

L’esperienza di Boldrini era iniziata in qualità di consigliere comunale nel 2019: pochi mesi dall’insediamento, insieme a Nico Ferrandi, aveva dato vita al gruppo consiliare di Italia Viva garantendo il sostegno all’amministrazione in carica.

Lo scorso agosto, a seguito delle dimissioni presentate dall’assessore Enza Errico, il Sindaco Donati chiedeva alla Boldrini la disponibilità a ricoprire il ruolo resosi vacante e l’invito è stato accolto dando conseguentemente le dimissioni da consigliere comunale in carica.

“Nel corso di questi quattro anni non sono mancati momenti di difficoltà nel confronto su alcuni punti cardine del programma elettorale – scrive in una nota Italia Viva di Colle – quali la gestione del parco fluviale, la nuova biblioteca, le sollecitazioni su alcuni progetti particolarmente sentiti come l’abbattimento delle barriere architettoniche e la creazione di un’area camper”.

“Dai bilanci e variazioni che si sono susseguite nel tempo non abbiamo registrato corrispondenza tra impegni presi ed azione amministrativa – prosegue il partito centrista – nonostante non siano mancate nel tempo richieste esplicite in tal senso. Dopo l’ultima variazione di bilancio, alla quale non ci siamo opposti per senso di responsabilità verso la città è giunto il momento di una presa di posizione netta”.

Ad uscire ed andare all’opposizione è anche il consigliere comunale Nico Ferrandi. “Esprimiamo un sincero apprezzamento e ringraziamento a Samuela Boldrini per il prezioso lavoro svolto e auguriamo buon lavoro al consigliere Nico Ferrandi che agirà con coscienza e porterà avanti un’opposizione costruttiva a partire dal prossimo Consiglio comunale” chiude la nota del partito renziano.

“Le dimissioni di Boldrini sono inaspettate e incomprensibili” ha dichiarato il sindaco Alessandro Donati, la cui maggioranza andrà comunque avanti.

“Personalmente sono molto dispiaciuto – prosegue il primo cittadino, umanamente colpito – in questi mesi non è mai mancato il sostegno dell’assessore, che svolgeva bene il suo lavoro. Evidentemente le strategie politiche di Italia Viva convergono su altri punti all’orizzonte, forse un riposizionamento in vista delle amministrative 2024”.

La maggioranza, nonostante le uscite, regge, anche se indebolita: adesso sarà più difficile permettersi, per i consiglieri che sostengono la giunta, assenze o malattie. Le deleghe saranno assunte ad interim dal sindaco.

Come avevamo scritto, è partita con un anno di anticipo la campagna elettorale per il Comune di Colle, con gli schieramenti che iniziano, piano piano, a prendere forma. E con la probabilità, per adesso solo ipotetica, che IV possa voler guardare verso il raggruppamento civico, il quale va consolidandosi a sostegno della candidatura di Piero Pii, ex sindaco di Casole.

L’estate è ancora lunga e, probabilmente, non mancherà di esser densa di avvenimenti.

Paolo Moschi
Un etrusco con gli occhi puntati sulla Valdelsa. Aperto a tutto quanto si muove nelle città e nei paesi a nord di Siena, per raccontare la vitalità di terre antiche e orgogliose, ma anche dal cuore grande

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui